incarico perlustrativo politico o roulette russa contro gli Italiani?

incarico perlustrativo politico o roulette russa contro gli Italiani?

Incarico perlustrativo politico o roulette russa contro gli Italiani?

 

Roma, domenica 31 gennaio 2021

Incarico perlustrativo domenicale politico

Testo di Giampietro Comolli

Perlustrazione domenicale delle varie pagine politiche nazionali. Urge un Governo subito. Qualunque per gli italiani a questo punto. Purchè il patto scritto sia pro-italiani e non pro-potere partitico. Si facciano riforme e non vivacchiamenti. Meno articoli nei decreti, più concretezza e semplicità di aiuto strategico.

Scoppiata la crisi di Governo, cosa totalmente diversa da una crisi istituzionale e politica, saltai sulla seggiola inorridito, esterrefatto, allibito. Per essere sincero a 10 giorni dal fatto, lo sono ancora, ma di tutt’altra matrice, fonte, parere. Mai giudizio: la politica è evoluzione continua, è adattamento.

Soprattutto in un momento in cui sul tavolo ci sono alcuni fattori unici e assoluti: un Governo a Roma strano nato solo per non perdere posizioni di partito, 300miliardi di euro da spendere in 6 anni, forte crisi economica di circa il 10% del Pil (se va bene), occupazione in calo prepensionamenti in aumento, chiusura di 300.000 attività-imprese,  nessuna certezza sul futuro, blocco delle istituzioni, aumento disuguaglianze sociali-civili-lavorative, restituzione con interessi del credito europeo fra 20-25 anni, 160% del debito pubblico in crescita, ultimo adeguamento di bilancio statale di un anno (2021) di 30+40 miliardi in un colpetto solo!

In questi 10 giorni ho cercato di documentarmi, leggendo, studiano, analizzando da piccolo economista emiliano certamente non sovranista, non fascista, ma patriottico liberale democratico rinascimentale ambientale salutista. Difficile trovare per me oggi un collocamento nella realtà partitica nazionale. Non è assolutamente vero che gli italiani, in blocco e in maggioranza come una parte della opinione politica e dei giornali sta declamando di continuo come un mantra quasi di autoconvincimento, non hanno compreso la crisi di Governo, almeno chi si è informato realmente.

Certo c’è un blocco, ma neanche tanto unanime e allineato, fra tutte le testate, i capipopolo e gli organi che oggi ancora ci ostiniamo a chiamare  “di sinistra” chi inneggia prima allo scandalo incomprensibile, all’attacco personale, al danno alla nazione, all’insulto agli italiani. Leggete e meditate.

A Giugno 2020 un alleato e fautore primaio del Governo “famolo strano” giallo-rosso inizia a segnalare cose che secondo lui non vanno bene. Solleva questioni, apre dibattiti, partecipa a incontri e assemblee in cui inizia a fare un elenco di cose che reputa più importanti di altre. Si sente poco ascoltato, si registra che in mesi, quasi nulla di quanto sollevato viene accolto. Mes o non Mes, l’elenco poi sfornato a novembre, poi a dicembre, poi a gennaio con 62 punti parla chiaro.

Il massimo comune denominatore vero dei 62 punti (circa 25-30 sono determinanti) è la constatazione di una distanza sempre maggiore fra palazzo e cittadini. Ma non era il mantra dei 5 Stelle quando erano all’opposizione di tutto e tutti, nessuno voleva imparentarsi con loro? Parlo solo di 3 anni fa o quasi. I 5 Stelle non erano contro a tutto? Ben leggendo e rileggendo i 25 punti più solidi alla base del “adesso basta” renziano devo dire che molti hanno molto in comune con il tazebao grillino.  Perché oggi non vanno bene? Perché lo dice un altro?

Gli italiani informati della politica, purtroppo sono sempre meno, hanno capito e compreso le ragioni del mettersi per traverso di Italia Viva. Certamente c’è anche – e in politica ci sta – una ricerca di aumento del consenso elettorale, ma i 25 punti scritti restano l’unico documento reale sul tavolo della crisi che è frutto soprattutto di una situazione istituzionale politica. Mi rammarica constatare (leggendo interviste a tutto spiano anche a ex della politica oramai dimenticati) che le migliori forze e menti progressiste della sinistra italiana si aggrappano alle diatribe personalistiche e a temi soggettivi e individuali come motivazione di base e di scontro, mentre gli italiani vorrebbero sentire parlare di cose concrete e banali, meglio se scritte punto per punto e pubblicate sulla pagine di quotidiani, di telegiornali, di social.

Possibile che da 30 anni almeno la sinistra non faccia ragionamenti di sinistra: tutto iniziò con l’attaccoo all’avversario Cavaliere diventato programma politico. In questo modo l’Italia ha perso su tutti i fronti: la destra cresce, cresce soprattutto quella più estrema, mentre la sinistra estrema cala. Vedere poi questo incollamento alla sedia di velluto rosso alla barba degli elettori fa veramente pensare – e questo è in molti italiani di destra di centro e di sinistra se esistono ancora queste classificazioni – che l’UE e la Commissione ha ragione quando chiede a gran voce (ne vedremo delle belle quando ad aprile 2021 si leggerà il plannig italiano della next generation fund) investimenti sulle riforme strutturali e infrastrutturali per approvare la concessione dei miliardi di euro.

E’ vero che la UE è pronta a tutto pur di non vedere al governo in Italia i sovranisti-nazionalisti (e le destre), ma anche il presidente Draghi, la Lagarde ed altri sono stati molti chiari in tutti questi mesi. Quindi spero che questa crisi di Governo del ConteBis trovi velocemente una soluzione, spero che Mattarella diventi un po’ Pertini e un po’ Napolitano (ma meno smaccatamente di parte di quest’ultimo), spero che Fico abbia presente che l’incarico è dato alla terza carica dello Stato e non può girare il volante sempre dalla stessa parte perché se no va a sbattere, spero che il documento scritto del nuovo governo contempli quasi tutti i 25 punti oggi sul tappeto e che molti guardano solo a noi italiani, spero che il capo del Mef non sia in balie di anomalie e di prebende, spero che anche la “destra unita” (almeno così sembra) cambi passo in una ottica di visione ampia e europeista seppur molto critica, spero che alle mie figlie e ai miei nipoti non venga di notte escusso quello che è stato il frutto di lavoro onesto, di investimento e di risparmio.

(Elaborazione grafica Newsfood.com)

Giampietro Comolli
Newsfood.com
© Riproduzione Riservata

Giampietro Comolli

Giampietro Comolli
Economista Agronomo Enologo Giornalista
Libero Docente Distretti Produttivi-Turistici

Mob +393496575297

Editorialista Newsfood.com
Economia, Food&Beverage, Gusturismo
Curatore Rubrica Discovering in libertà
Curatore Rubrica Assaggi in libertà

Redazione Newsfood.com
Contatti

 

 

Vedi anche:

  • Crisi pandemica e crisi politica. Ma sono proprio così legate? Matteo Renzi, un irresponsabile oppure…

    Crisi pandemica e crisi politica. Ma sono proprio così legate? Matteo Renzi, un irresponsabile oppure…

    29 GENNAIO 2021

    Crisi pandemica e crisi politica. Ma sono proprio così legate? La situazione richiede ampia condivisione e partecipazione ben oltre simpatie e “ostrac…..ismi”.   di Giampietro Comolli L’attaccamento allo scranno, a destra come a sinistra, è il vero danno agli italiani.   Non sono un commentatore … Leggi tutto

  • Vito Luise commenta l’articolo di Comolli sull’Italia in agonia… + aggiornamento

    Vito Luise commenta l’articolo di Comolli sull’Italia in agonia… + aggiornamento

    5 GENNAIO 2021

    Nota del direttore Puntuale ribatte Comolli a Luise ma forse i due professionisti, che stanno disquisendo su come si dovrebbe trovare una soluzione … non si rendono conto che si sta giocando una partita truccata nella quale il … Leggi tutto

  • 2021: eppur si muove, tra pandemia, economia in agonia, politica (no comment)…, avanti con ottimismo!

    2021: eppur si muove, tra pandemia, economia in agonia, politica (no comment)…, avanti con ottimismo!

    2 GENNAIO 2021

    Pandemia e protezione andranno a braccetto? Come Europa, dopo Brexit e accordo 2018 Jefta con il Giappone, ci saranno nuove intese bilateali. Come difendere le Dop-Igp alimentari create in 40 anni di norme in Europa. Precauzione, sicurezza, verifiche, … Leggi tutto

  • I politicanti si azzuffano al capezzale dell’Italia in agonia… by Comolli

    I politicanti si azzuffano al capezzale dell’Italia in agonia… by Comolli

    31 DICEMBRE 2020

    Nota del direttore Sono in molti a pensare che  ormai da troppi anni la Politica non opera in favore del Popolo Italiano ma pensa solo agli interessi di partito e personali dei partecipanti al banchetto… La si potrebbe definire … Leggi tutto

  • Covid 19 Carpe Diem – MACROECONOMICA POST CORONA VIRUS… by Giampietro  Comolli

    Covid 19 Carpe Diem – MACROECONOMICA POST CORONA VIRUS… by Giampietro Comolli

    20 APRILE 2020

    LIBERA CONSIDERAZIONE SU MACROECONOMIA POST CORONA VIRUS Data: 20 aprile 2020 Covid 19 Carpe Diem – MACROECONOMICA POST CORONA VIRUS Esistono interventi urgenti e immediati di emergenza. Giusti o sbagliati si devono attivare prima possibile, anzi dovevano già essere attivati … Leggi tutto

  • CORONAVIRUS E VINO – Strategia e consumi, intervista a Comolli

    CORONAVIRUS E VINO – Strategia e consumi, intervista a Comolli

    19 APRILE 2020

    17 aprile 2020   CORONAVIRUS E IMPATTO STRATEGICO GENERALE SU VINO E CONSUMI Intervista a Giampietro Comolli Cosa si può fare per il vino italiano (e altri grandi prodotti made in Italy); cosa si aspettano gli imprenditori dell’agroalimentare … Leggi tutto

  • 12 #POSTCORONAVIRUS: MES e 450 milioni di datori di lavoro (cittadini europei)…, by Comolli

    12 #POSTCORONAVIRUS: MES e 450 milioni di datori di lavoro (cittadini europei)…, by Comolli

    13 APRILE 2020

    DODICESIMA PUNTATA AGGIORNATA SUL POST CORONAVIRUS Data: 13 aprile 2020 #postcoronavirus (12) … MES e 450 milioni di datori di lavoro (cittadini europei), con 25.000 mld/$ di Pil annuo… sono alle corde by Giampietro Comolli #postcoronavirus (12) … Leggi tutto

  • 8 #POSTCORONAVIRUS: solidarietà e sostenibilità in Italia, by Comolli

    8 #POSTCORONAVIRUS: solidarietà e sostenibilità in Italia, by Comolli

    4 APRILE 2020

    OTTAVA PUNTATA AGGIORNATA SUL POST CORONAVIRUS Data: 3 aprile 2020 #postcoronavirus (8) … solidarietà e sostenibilità in Italia                                                                                   #postcoronavirus (8) Diversi esempi di solidarietà e sostenibilità in Italia. Singole … Leggi tutto

  • 6 #POSTCORONAVIRUS: la Germania scopre l’Italia, by Comolli

    6 #POSTCORONAVIRUS: la Germania scopre l’Italia, by Comolli

    3 APRILE 2020

    SESTA PUNTATA AGGIORNATA SUL POST CORONAVIRUS Data: 2 aprile 2020 #postcoronavirus (4) … La Germania riscopre l’Italia! Francia punta su un Mes rivisto #postcoronavirus (6) La Germania riscopre l’Italia! Francia punta su un Mes rivisto. Scricchiola il patto dei … Leggi tutto

  • 5 #POSTCORONAVIRUS: gli Italiani stanno perdendo la pazienza, by Comolli

    5 #POSTCORONAVIRUS: gli Italiani stanno perdendo la pazienza, by Comolli

    2 APRILE 2020

    QUINTA PUNTATA AGGIORNATA SUL POST CORONAVIRUS Data: 2 aprile 2020 #postcoronavirus (4) … gli Italiani  stanno perdendo la pazienza   #postcoronavirus (5) Grazie Ursula delle scuse formali-politiche, ma in sostanza? In casa almeno fino alla SS Pasqua. Insegniamo ai bambini … Leggi tutto

  • 3 #POSTCORONAVIRUS: economia, impresa, politica by Comolli

    3 #POSTCORONAVIRUS: economia, impresa, politica by Comolli

    1 APRILE 2020

    TERZA PUNTATA AGGIORNATA SUL POST CORONAVIRUS Data: 1 aprile 2020 #postcoronavirus (3) Continuiamo a stare in casa almeno fino a dopo SS Pasqua. Genitori dedicate tempo ai giochi dei bambini in casa. Niente alibi e … Leggi tutto

  • 2 #POSTCORONAVIRUS: igiene, distanza, gregge by Comolli

    2 #POSTCORONAVIRUS: igiene, distanza, gregge by Comolli

    1 APRILE 2020

    29.03.2020 – SECONDA RIFLESSIONE SU UNA PROPOSTA DI ECONOMIA DOMESTICA-NAZIONALE DI #POSTCORONAVIRUS   #postcoronavirus (2)…  igiene, distanza, gregge Dopo un tal disastro, vogliamo non cambiare? L’Europa sta rischiando molto! Che eredità per … Leggi tutto

  • Dopo Coronavirus nascerà una nuova Italia? … una nuova Europa? … Hamilton, Mclaren: siamo qui solo per il dio denaro

    Dopo Coronavirus nascerà una nuova Italia? … una nuova Europa? … Hamilton, Mclaren: siamo qui solo per il dio denaro

    14 MARZO 2020

    Come sarà l’Italia, e l’Europa, fra 9 mesi? Spero e mi auguro saranno migliori! I soliti poteri e i poteri forti spacciano lucciole per lanterne Mattarella è veramente incavolato, finalmente! Perché si crede che il peggio tocchi sempre agli altri. Il vertice … Leggi tutto

  • MES e Coronavirus… Europa a due facce: perchè il MES è così urgente?

    MES e Coronavirus… Europa a due facce: perchè il MES è così urgente?

    11 MARZO 2020

    Milano, 10 marzo 2020 EUROPA GIANO BIFRONTE DUE UNITA’ DI MISURA PER IL MES E PER IL CORONOVIRUS – OBIETTIVO SEMPRE L’ITALIA E’ GIUSTO ? Europa: antidoto al virus o alla burocrazia del palazzo Antidiplomazia … Leggi tutto

  • Coronavirus, Europa tentenna e la fierezza di essere Italiano. Grazie Italia, by Comolli

    Coronavirus, Europa tentenna e la fierezza di essere Italiano. Grazie Italia, by Comolli

    10 MARZO 2020

    Milano, 10 marzo 2020 Ai tempi del Coronavirus In Svizzera tutto normale. In Germania nessun dato disponibile: forse… ma… se… dipende! Felice di essere italiano in questo momento: grande dimostrazione di trasparenza, onestà civile, assoluta educazione. E’ così che si combatte una Europa … Leggi tutto

  • Storia dell’Europa, verso la PAC 2021 – 2027 (Seconda parte)… 1957-2020, dal Mec alla Pac

    Storia dell’Europa, verso la PAC 2021 – 2027 (Seconda parte)… 1957-2020, dal Mec alla Pac

    25 FEBBRAIO 2020

    Politica Agricola Europea, 1957-2020, dal Mec alla Pac… passi avanti… indietro… cambi necessari… incompiute L’Europa fin da subito (vedi art 39 del trattato di Roma del 1957)  punta sull’incremento della produzione agraria per garantire … Leggi tutto

     

 

Redazione Newsfood.com

 

Leggi Anche
Scrivi un commento