Via Francigena Italia candidata Unesco – Da 2250 anni Piacenza è crocevia di popoli…accoglienza a tutti i viaggiatori… da 1688 anni tappa obbligata raccontata da personaggi storici

Via Francigena Italia candidata Unesco – Da 2250 anni Piacenza è crocevia di popoli…accoglienza a tutti i viaggiatori… da 1688 anni tappa obbligata raccontata da personaggi storici

Via Francigena Italia candidata Unesco – Da 2250 anni Piacenza è crocevia di popoli… 

Da 2250 anni Piacenza è crocevia di popoli… accoglienza a tutti i viaggiatori… da 1688 anni tappa obbligata raccontata da personaggi storici

Piacenza, 12 novembre 2021

Testo di Giampietro Comolli

Vie Francigene: una rete di cammini storici culturali dal fiume Po alla Lunigiana attraversa la Diocesi di Piacenza e Bobbio
Da 2250 anni cuore della “viamaestrafrancisca” italiana dalle Alpi occidentali agli Appennini, alle strade legionarie dei Romani
La “viamaestra” della Via Francigena Italiaè candidata a patrimonio Unesco, discussione e valutazione prevista alla 46° Sessione mondiale del 2023. La “Tratta Piacenza”, 70 km di pianura e 3 tappe comode,  fa parte della “viamaestra”.
La fondazione del Comitato scientifico culturale “Tratta Piacenza”, primo in Italia, con il supporto segretariale della Banca di Piacenza,  vuole essere stimolo e sostegno alle istituzioni nazionali e regionali che propongono la candidatura, ma soprattutto si è resa necessaria per definire una chiara, unica, autentica identità-dignità “patrimoniale” della città e della provincia di Piacenza che manca in tante azioni.  
Il castrum di “Placentia” è stato fondato nel III° secolo a.C. dalle Legioni Romane su un “sasso” lungo il fiume Po. E’ da 2250 anni un crocevia di strade antiche, grazie alla invidiabile posizione geografica-storico-militare-commerciale.  Una delle prime, più estese e più attive Diocesi Vescovili del IV° sec d.C.
Oggi la destinazione fra pianura-appennino si propone come meta “slowglocal” ®© multifunzionale e offre al moderno pellegrino diverse risposte e bisogni:  una impronta di paesaggio culturale ordinato e curato, una biodiversità botanica e faunistica espressa in valli fluviali che salgono verso gli alti appennini, una naturale predisposizione al turismo lento e la vita in campagna, una ricchezza di borghi e luoghi d’arte diversificati,  un riconoscimento della autenticità salutare del buon mangiare e buon bere.
Un itinerario che ha segnato la vita, la cultura, gli scambi e la storia di popoli, paesi, genti con alterne vicende. A sostegno di questa iniziativa nazionale è nato il primo Comitato Scientifico Culturale volontario per la Tratta Piacenza. Placentia, fondata nel III° secolo a.C. dalle legioni romane all’inizio della conquista dei territori celtici e subalpini della pianura padana, è stata una tappa-sosta obbligatoria, un punto strategico di controllo e di conquista, di difesa e di passaggio per viandanti, pellegrini, commercianti, abati, monaci e perfino banchieri da tutta Europa per le “fiere del cambio” delle monete nel Rinascimento.

Il luogo di riferimento, come appare su tutte le carte geografiche antiche, era dato dai due “guadi” sicuri sul grande fiume Po, un tempo ostacolo non da poco per chi scendeva dalle Alpi della valle di Susa, o dal San Bernardo, o dal passo dello Spluga e voleva andare a Roma, a Venezia, a Ravenna. Da qui anche il riconoscimento a Piacenza di capitale del crocevia padano, da cui si potevano prendere più percorsi e più varianti per oltrepassare gli appennini e arrivare alla costa tirrenica.
Cammini nati in base ai cambiamenti epocali, climatici, stagionali, ma anche in base alle guerre, invasioni barbariche, carestie e malattie, lotte fra ducati e contee italiane. Piacenza assunse nel volgo il termine popolare di crocevia abbinato al termine Placentia. Da qui passarono per almeno XVII secoli le uniche “strade” percorribili, seppur non sempre sicure. I primi documenti scritti certi, oltre a quelli già visibili nelle Tabule toponomastiche Traiana (coltivazione agricole e proprietà di epoca repubblicana) e Peutingeriana (di epoca imperiale romana con indicate tutte le strade esistenti dall’isola Britannica fino al medio Oriente e Asia centrale), sono quelli lasciati da due pellegrini anonimi che citano Piacenza come luogo obbligatorio di sosta, sicuro, accogliente per rifocillarsi: nel 333 d.C. dell’Anonimo di Bordeaux che da Lione, passa a Torino, poi a Piacenza per Ravenna e nel 570 d.C. dell’altro anonimo Piacentino che illustra il tragitto passando per Milano fino alla Lunigiana quale era la variante al tempo dei Longobardi e frequentata da svizzeri, teutonici, germanici, olandesi.
Poi nel 990-994 abbiamo il diario del vescovo Sigerico che delinea un altro percorso, diventato poi Francigena perché indicato dai Franchi e dai successivi imperatori e re che governarono l’Italia fino alle potenti Signorie locali.    La importanza di Piacenza iniziò a manifestarsi in termini economici, religiosi, commerciali all’inizio del IV° secolo d.C. con la fondazione della Diocesi di Piacenza e grazie ai primi vescovi piacentini strettamente legati alla Diocesi Milanese per la loro santità, seguito, autorevolezza, impegno  che determinò subito l’ampiezza enorme e catalizzante del territorio diocesano, con i confini dai guadi e dai porti sul fiume Po fino a pochi chilometri della diocesi toscana di Pontremoli.
Ancora oggi la Diocesi di Piacenza-Bobbio si è ulteriormente consolidata diventando un punto di riferimento con molti conventi, monasteri, pievi, oratori, refettori, mansionari a segnare e a garantire un percorso. Da qui anche una Provincia-Diocesi costellata da oltre 200 castelli attivi per secoli, l’alto reddito che Michelangelo ricavava dalle gabelle di un solo guado del Po, la città di Piacenza con oltre 100 chiese, monasteri, conventi costituiti da tutti gli ordini monastici all’epoca conosciuti, dall’Irlanda alla Germania.
A Piacenza passavano le consolari romane e le vie delle Legioni, come l’ Aemilia, Postumia, Emilia Scauri, la Retia Teutonica, la Regia Pompeia (già attive nei secoli a.C.) e nel medioevo sorsero anche le vie degli Abati che univa i monasteri degli appennini fra cistercensi e benedettini, le scorciatoie dell’appennino e le strade commerciali della farina verso sud, del sale e dell’olio di oliva in primis verso i mercati del nord.
Toponimi ricorrenti come “salini” o  “pontedell’olio” o “fiera del cambio” ancora oggi esistenti, lo attestato. Piacenza diede i natali, ospitò e sostarono personaggi “europei” come San Colombano, Carlo Magno, Barbarossa, Teodorico, due Papi, molti vescovi cristiani diventati santi e beati e decine di cardinali fino al secolo XX°, vide nascere i Cavalieri del Santo Sepolcro o Templari, la prima Crociata del 1095 con la presenza di oltre 20 Re e principi di Stati…
Nel Medioevo e Rinascimento, i 3 porti di attracco di Piacenza sul fiume Po (uno nella parrocchiale di San Rocco sulla sponda sinistra un tempo sotto il dominio di nobili famiglie piacentine come i Landi e gli Scotti e oggi in Lombardia) ricevevano tutte le merci da Venezia e da Ravenna destinate ai mercati locali ma soprattutto nel Ducato di Milano. 
 

TrattaPiacenza

      Pro Unesco

Via Francigena Italia

Conservazione Cibo

  Itinerari Culturali

——————————————————————-  

La Via Francigena è una strada antica percorsa da pellegrini, mercanti, soldati che univa l’Europa occidentale del nord e del sud, dal Regno Unito, Francia, Germania, Spagna  a Roma e a Gerusalemme. Un percorso dettagliato nel diario di viaggio dell’arcivescovo di Canterbury, svolto fra il 990-994 d.C., che si rifà a viaggi precedenti di pellegrini cristiani, ma anche di legionari e viandanti, che pendevano le vie più sicure in base a sicurezza, salubrità, stagionalità , carestie, guerre e malattie. Le prime strade sono quelle dell’inizio della cristianizzazione agli albori del IV° sec d.C. di cui si hanno testimonianze scritte, poi le vie create dai Longobardi, prima della frequentazione dei Franchi. Quindi una via Europa-Roma che all’inizio privilegiò le strade consolari romane, poi i tragitti di crinale della montagne, poi le strade più ampie e battute di fondovalle, ma anche quelle segnate da monasteri, conventi, castelli e borghi come tappe obbligate, infine quelle più frequentate, sicure al passaggio di carri. Quindi un panorama di varianti molto significativo.  La Via Francigena Italia tabellata oggi  come “viamaestra”, attraversa 11 regioni per circa 1800 km, consta di 80 tappe, attraversa 300 comuni, dal passo del Gran San Bernardo fino a Santa Maria di Leuca. A Piacenza ci sono 3 tappe, attraverso 9 comuni, circa 70 km dal guado del fiume Po ai passi appenninici emiliani-toscani.    

 

© Riproduzione Riservata
Newsfood.com

Giampietro Comolli
Economista Agronomo Enologo Giornalista
Libero Docente Distretti Produttivi-Turistici

Mob +393496575297

Editorialista Newsfood.com
Economia, Food&Beverage, Gusturismo
Curatore Rubrica Discovering in libertà
Curatore Rubrica Assaggi in libertà

Redazione Newsfood.com
Contatti

 

Vedi anche:

  • ABBAZIA DI CHIARAVALLE (PC): serata di successo -con San Bernardo, Verdi e Dante- organizzata da Tratta Piacenza Via Francigena (+ Video)

    ABBAZIA DI CHIARAVALLE (PC): serata di successo -con San Bernardo, Verdi e Dante- organizzata da Tratta Piacenza Via Francigena (+ Video)

    16 AGOSTO 2021

    ABBAZIA DI CHIARAVALLE: sabato 14 agosto, serata di successo -con San Bernardo, Verdi e Dante- organizzata da Tratta Piacenza Via Francigena ABBAZIA DI CHIARAVALLE STRAPIENA – PIECE APPLAUDITISSIMA. ASSAGGIO ECUMENICO DEL CIBO CONSERVATO PER I PELLEGRINI Comitato Scientifico Culturale Volontario “TrattaPiacenza” Via … Leggi tutto

  • Comitato Tratta Piacenza Via Francigena Italia pro Unesco – anticipazione e programma evento 14 agosto

    Comitato Tratta Piacenza Via Francigena Italia pro Unesco – anticipazione e programma evento 14 agosto

    8 LUGLIO 2021

    Comitato Tratta Piacenza Via Francigena Italia pro Unesco – Anticipazione evento 14 agosto 2021 dalle ore 19 alla abbazia di Chiaravalle della Colomba in occasione di Road to Rome – 20 anni di AEVF Piacenza capitale europea … Leggi tutto

  • Via Francigena Italia pro Unesco – Passaggio a Piacenza dei pellegrini in occasione della Road to Rome per i 20 anni di AEVF

    Via Francigena Italia pro Unesco – Passaggio a Piacenza dei pellegrini in occasione della Road to Rome per i 20 anni di AEVF

    27 GIUGNO 2021

    Via Francigena Italia pro Unesco – Passaggio a Piacenza dei pellegrini in occasione della Road to Rome per i 20 anni di AEVF Intervista a Giampietro Comolli, Presidente del gruppo di liberi professionisti fondatori del comitato scientifico tecnico storico culturale … Leggi tutto

  • Piacenza in corsa per UNESCO: Via Francigena, conservazione del cibo, vino della SS.Messa, storia del Passito e Vinsanto

    Piacenza in corsa per UNESCO: Via Francigena, conservazione del cibo, vino della SS.Messa, storia del Passito e Vinsanto

    22 GENNAIO 2021

    Via francigena tratta piacenza – tematismo unesco in sintonia con Piacenza Piacenza per UNESCO: Via Francigena, conservazione del cibo, vino della SS.Messa, storia del Passito e Vinsanto   Piacenza, 22 gennaio 2021   UNESCO: sempre più candidature gastronomiche da tutto il mondo. Piacenza ha … Leggi tutto

  • Via Francigena Italia candidatura a patrimonio Unesco – un comitato scientifico “TrattaPiacenza” a sostegno della proposta

    Via Francigena Italia candidatura a patrimonio Unesco – un comitato scientifico “TrattaPiacenza” a sostegno della proposta

    15 GENNAIO 2021

    Via Francigena Italia candidatura a patrimonio Unesco – un comitato scientifico “TrattaPiacenza” a sostegno della proposta Piacenza, 13 gennaio 2021 A Piacenza nasce il primo Comitato Scientifico Culturale riferito alla sola “Tratta Piacenza” a sostegno della candidatura della Via … Leggi tutto

  • Via Francigena Tratto Piacenza: comitato pro Patrimonio Unesco – Referente Giampietro Comolli

    Via Francigena Tratto Piacenza: comitato pro Patrimonio Unesco – Referente Giampietro Comolli

    29 OTTOBRE 2020

    VIA FRANCIGENA ITALIA PATRIMONIO DELL’UNESCO? COSTITUITO UN COMITATO DI SOSTEGNO DELLA “TRATTA PIACENZA” Piacenza, 29 ottobre 2020 Si è costituito il “Comitato del Tratto Piacenza della Via Francigena Italia pro Unesco”. Un sodalizio – volontario senza fini di lucro – composto da … Leggi tutto

  • Al via la campagna social congiunta della Via Francigena e del Prosciutto Toscano DOP

    Al via la campagna social congiunta della Via Francigena e del Prosciutto Toscano DOP

    25 GIUGNO 2020

    La presenza del Consorzio del Prosciutto Toscano al VII Forum annuale sulla Via Francigena, presso il complesso monumentale di Abbadia Isola (Monteriggioni-SI), ha coinciso con la presentazione della cartina dedicata alla promozione del Prosciutto Toscano DOP nel territorio della Francigena … Leggi tutto

  • Piemonte, passi e menu lungo la via Francigena

    Piemonte, passi e menu lungo la via Francigena

    17 APRILE 2012

    Un viaggio nel passato in Piemonte. Nel Medioevo, la Via Francigena era uno dei percorsi più trafficati, insieme di strade e percorsi che dall’Europa del Nord portava i pellegrini fino a… Leggi tutto

  • Lazio: Ultimati i lavori della Via Francigena

    Lazio: Ultimati i lavori della Via Francigena

    12 FEBBRAIO 2010

    L’offerta di turismo religioso del Lazio dal 2010 è più ricca: sono stati ultimati infatti i 170 km del tratto viterbese della Via Francigena, lo storico cammino di fede che collegava, sin … Leggi tutto

  • La Via Francigena nella Provincia di Viterbo

    La Via Francigena nella Provincia di Viterbo

    13 GENNAIO 2010

    Parte il 17 febbraio il tour di sperimentazione riservato agli operatori incomisti nazionali e regionali,( Fiavet- Assotravel- Assoviaggi); specialisti in  escursioni da Roma,direttori, impiegati e … Leggi tutto

  • Viterbo: La Provincia alla Bit di Milano promuove la via Francigena nella Tuscia

    19 FEBBRAIO 2009

    Viterbo – Bit di Milano: anche quest’anno la Provincia risponde presente. Come ormai di consuetudine, il … Leggi tutto

  • Pavia: La Via Francigena anche in Oltrepo lungo la Valle Staffora

    5 NOVEMBRE 2008

    Nell’ambito delle iniziative previste dal piano di promozione della Via Francigena rivolto alla valorizzazione della storica … Leggi tutto

  • Foggia: Grande successo per il Festival di Musica Sacra «La Via Francigena del Sud»

    8 OTTOBRE 2008

    Grande successo per il Festival di Musica Sacra «La Via Francigena del Sud» il cui calendario … Leggi tutto

  • Francigena: tra passato e futuro a passo di musica

    17 DICEMBRE 2007

    Viterbo – Sulla via dei pellegrini a passo di musica e con ingresso gratuito, sono undici gli appuntamenti che l’assessorato al Turismo della Provincia ha organizzato lungo le principali … Leggi tutto

  • Via Francigena: parte il progetto per riqualificare il tratto nord del Lazio

    28 NOVEMBRE 2007

    Roma, 27 Novembre 2007 – E’ stato presentato oggi, a Roma, presso Villa Piccolomini, il percorso nord della via Francigena del Lazio, alla conferenza stampa hanno preso parte Giulia … Leggi tutto

  • Monteriggioni capitale della Via Francigena

    29 OTTOBRE 2007

    Siena – «Non fermiamoci solo alla pur importante promozione o alla convegnistica, ma indirizziamo le risorse soprattutto a irrobustire la dimensione infrastrutturale, in particolare cerchiamo di restaurare o … Leggi tutto

Leggi Anche
Scrivi un commento