Via Francigena Italia pro Unesco – Passaggio a Piacenza dei pellegrini in occasione della Road to Rome per i 20 anni di AEVF

Via Francigena Italia pro Unesco – Passaggio a Piacenza dei pellegrini in occasione della Road to Rome per i 20 anni di AEVF

 

Via Francigena Italia pro Unesco – Passaggio a Piacenza dei pellegrini in occasione della Road to Rome per i 20 anni di AEVF

Intervista a Giampietro Comolli, Presidente del gruppo di liberi professionisti fondatori del comitato scientifico tecnico storico culturale – Via Francigena tratta Piacenza.

Martedì 15 giugno 2021, ore 9, è partita dalla Cattedrale di Canterbury la maratona “Road to Rome” con la benedizione del bastone del pellegrino, testimone di tutto il percorso lungo la “viamaestra” dell’antico itinerario segnato dal vescovo Sigerico.  Sosterà a Piacenza il 13-14 agosto 2021 (come da programma allegato). Arrivo a Roma previsto il 10 settembre 2021, il 18 ottobre 2021 a Santa Maria di Leuca. La Via Francigena si compone di 148 tappe, attraversa 5 Paesi, transita per 16 Regioni, tocca 637 Comuni, fra cui i 9 comuni di Piacenza, per circa 80 km. Oggi la via ufficiale è tutta in pianura, ma nei secoli diverse furono le scorciatoie verso gli appennini da Pavia a Bardi e Pontremoli. A Piacenza è nato il Comitato Tratta Piacenza per la candidatura Unesco della Via Francigena, con sede presso la famiglia piasinteina. Per prima la Banca di Piacenza ha messo a disposizione la segreteria.
Tratta Piacenza
      Pro Unesco
Via Francigena Italia
  ConservazioneCibo
  Itinerari Culturali
In occasione dei 20 anni dalla costituzione della Associazione Europea delle Vie Francigene è stata organizzata l’evento-maratona denominata Road to Rome, partita il 15 giugno 2021 da Canterbury in Inghilterra. Il presidente del Comitato Scientifico Culturale “Tratta Piacenza” nato per sostenere e valorizzare la candidatura Unesco della Via Francigena Italia ha rilasciato una intervista per sottolineare la posizione storica, strategica della città di Piacenza lungo i 1800 km dell’itinerario italiano e il significativo valore turistico attrattivo che tale via antica riveste per il tragitto (3 tappe e in totale 80 km) piacentino nella pianura padana fra il famoso “guado” del fiume Po (unico punto di attraversamento per 1000 anni) e le salite tortuose e boscose per superare l’appennino emiliano-toscano e giungere in Lunigiana (Toscana) oltre i confini della Diocesi di Piacenza-Bobbio.
In calce  “stralcio delle tappe a cavallo di Ferragosto 2021estrapolato dal programma-calendario ufficiale preparato da AEVF e scaricabile dal sito ufficialewww.viefrancigene.org
————————————–

Presidente del gruppo di liberi professionisti fondatori del comitato scientifico tecnico storico culturale

Comolli, come Tratta Piacenza si inserisce in questo evento?

“L’organizzazione è di AEVF, ma Piacenza non può essere marginale, solo citata per la stazione ferroviaria o per il passaggio da Pavia a Fidenza. Piacenza non merita questo con 2240 anni di storia e con i primi pellegrini cristiani che facevano punto di ritrovo e partenza Placentia già all’inizio del IV° secolo d.C., oltre 600 anni prima di Sigerico, come nel 330 riferisce per iscritto l’anonimo pellegrino di Bordeaux, transitante per Fontana, Vernasca,  Bedonia, Bardi. Stiamo organizzando una accoglienza storica ai pellegrini stranieri ed italiani, una sera di arrivo di una tappa fra Fiorenzuola e Alseno se sarà accettata da AEVF.”

Da programma pubblicato sul sito di AEVF, Piacenza appare come cenerentola… diciamo tagliata fuori
Comolli:- “ E’ vero. E’ così in molte situazioni. In parte per colpa propria, come non avere un piano-progetto sulla Via Francigena, ma anche perché altri si accaparrano spazi, si prendono responsabilità, si impegnano e vanno fino in fondo, copiano meglio, sanno vendere, hanno investitori locali e industriali con grandi marchi. Mi sembra che bisognerebbe correre ai ripari”
Comolli qualche esempio?:
“Facile, dal Grana Piacentino decantato da Pier de Crescenzi e da molti altri per secoli alla Coppa venduta a Stoccolma da Eataly con scritto in etichetta “doc Parma alla maniera di Piacenza”. Piacenza che in Rai è considerata Lombarda. A Piacenza e a Pavia transitano 5 grandi strade storiche da millenni, da quella di Compostela alla Postumia, dalla Transromanica alla Teutonica, dalla Micaelica a quella di San Colombano. Piacenza, crocevia non solo a parole. Amici stranieri che mi vengono a trovare a Piacenza si meravigliano della bellezza dei cortili dei palazzi nobiliari del centro più che delle facciate: questo dice molto! Nessun altra “Tratta” della Via Francigena ha una ricchezza di percorsi come Piacenza, e un guado su un grande fiume europeo. Per questo in epoca di “turismo lento” il turismo di transito può finalmente avere uno scopo, un obiettivo e dare reddito a tanti luoghi ed esercizi lungo più strade”.
Cosa dice e insegna questo?
Comolli:- “Noi piacentini siamo riservati, oculati, parsimoniosi e non cantastorie, sbruffoni, bravi commercianti. Ci nascondiamo. Preferiamo essere comandanti del condominio o far sapere al vicino di casa che esistiamo, piuttosto che giocarsela fuori contesto. Questo forse è una eredità dell’uccisione del figlio del Papa? Ci ha relegati in un angolo, abbiamo preso paura, da quel momento di grande rinascimento… abbiamo perso tutti i treni e ancora oggi fatichiamo?”   
 
Quindi, cosa bisognerebbe fare?
Comoilli:-“ Piacenza ha uno dei più ricchi Archivi di Stato, biblioteche private sono invidiate da molti, il conservatorio Nicolini è fra i primi in Europa, la galleria Ricci Oddi è forse la più importante e quotata nazionale per il ‘900 pittorico nazionale, la Cattedrale e basilica è una delle più imponenti costruzioni medioevali cristiane con una raccolta di opere artistiche di grande valore a cominciare dal Codice 65. Tutto questo è da far conoscere fuori, lontano. lo stesso palazzo Farnese ha bisogno di un contesto almeno pari alla Pilotta di Parma”.
Chi dovrebbe agire e prendere l’iniziativa?
Comolli:-“Non credo alla squadre composte ad hoc soprattutto se tutto dipende dall’ente pubblico. Bisogna fare sistema di lungo periodo, programmare, dare certezze alle imprese. La Via Francigena può essere un collante, un motore, un modello di sistema. Tutti sono coinvolti: negozi, alberghi, agriturismi, ostelli, oratori, pievi… come Comitato stiamo tentando di fare sistema. Ma occorre una visione. Ringrazio la consigliere provinciale Maria Rosa Zilli per il forte interessamento: la Provincia c’è!. Molti sindaci anche fuori dal percorso ufficiale hanno dato partecipazione al Comitato. In primis anche la Banca di Piacenza .”
Comolli… e il comune di Piacenza?
“ E’ fondamentale, per due fattori strategici: la sede concessa alla associazione europea della Francigena che reclama uno stretto do-ut-des da mettere a fuoco e a regime; la necessità di proporre sentieri varianti in sicurezza per i pellegrini e i moderni turisti del movimento lento…
Oggi sempre più attrazione turistica. Come Comitato abbiamo pronto, e verificato con le associazioni sportive e con gli agricoltori, le alternative parallele alla via maestra. Soprattutto i ponti sul Trebbia e sul Nure necessitano di un percorso nuovo, con vie di campagna alberate, con punti acqua e ristoro. Recentemente il comune di Cadeo ha proposto, e ottenuto velocemente, una valida soluzione che mira a valorizzare e mettere in sicurezza. L’escursionismo non è un turismo povero come crede qualche sostenitore del mice, meeting, business.”
E’ interessato anche il centro della città?
“Indispensabile avere un tragitto nell’urbe segnalato, tabellato, unico che consenta di esaltare tutti i luoghi di culto, ostelli, alberghi, vecchi e moderni, come segno culturale della proverbiale e aperta ospitalità piacentina nei secoli. Piacenza città con meno di 15/18.000 abitanti aveva annualmente 20.000 pellegrini che sostavano. L’ospitalità non può essere lasciata a improvvisazione, per mancanza di decisione o per assenza di strategia politica dovuta anche a inconsistenza di uffici e di delegati.
La Via Francigena è legata alla Diocesi di Piacenza e Bobbio, per sua storia, cultura, natura dagli argini del fiume Po fino alla alta val di Taro, a pochissimi chilometri da Pontremoli. Questa è vera storia e realtà dei fatti!  Per questo che Piacenza-Corcevia dei pellegrini ha da sempre molti itinerari che come Comitato pro Unesco intendiamo valorizzare in un contesto unico, forte, primario. Piacenza ha tutte le credenziali per non essere tagliata fuori, ma lo deve imporre. Troppe cartine geografiche, comunicati stampa citano solo Pavia-Fidenza. Piacenza ha il più grande guado fluviale di tutti i 3200 km della via Francigena.”
Comolli, che risposte dal pubblico?
“E’ d’obbligo una strategia unica e comune per convogliare e trattenere i pellegrini e turisti a piedi e in bicicletta sul territorio piacentino. I piccoli comuni si sono attivati subito con Roberto Modenesi assessore di Pontenure, Donatella Alberoni di San Giorgio, Maria Rosa Zilli consigliere delegato Provincia Piacenza, Marcello Minari assessore Fiorenzuola, Davide Zucchi sindaco Alseno, Filippo Zangrandi di Calendasco…ma le “panchine ospitali” e costose in allestimento in soli 6 comuni non servono: è un bell’arredo. Ma prima bisogna saper attrarre”.
“Bisogna essere pronti ed efficienti” sottolinea Davide Zucchi, sindaco di Alseno “occorre una cartellonistica più ravvicinata, uniforme e più grande per segnalare luoghi unici come Chiaravalle della Colomba, i diversi castelli e ville, le chiese che segnano il cammino e la pieve di San Rocco, ultimo sacello di devozione della Tratta Piacenza al confine con le terre agricole di Giuseppe Verdi. In questo contesto ambientale di pianura, è assai complicato un cammino estivo senza una sorgente d’acqua, l’ombra di un filare di alberi, una carraia ben pulita e sicura, un ponticello o un passaggio decente sul torrente, sostengono molti pellegrini stranieri. La pericolosa via Emilia pavese e parmense scoraggia, allontana, fa saltare il tratto piacentino come tutti hanno dimostrato e detto da anni.”
Quindi la nostra antica storia continua?
“Coltivare un banale orticello non serve a nessuno, mentre bisogna puntare su un progetto di tutto il territorio provinciale per favorire tutte le attività e gli esercizi di servizio lungo le varie strade turistiche che possiede Piacenza. Uniti su questo progetto sono anche territori e comuni limitrofi alla Via Francigena ma da sempre collegati e da secoli fornitori di supporti e ospitali. A breve presenteremo al Comune di Piacenza, per competenza territoriale e per regolamento AEVF, una proposta di tragitto in sicurezza. prevediamo due ponti speciali pedonali nei punti critici. La Regione Emilia Romagna ha già un fondo disponibile per la sicurezza dei cammini. Basta volerlo”
Chiosa infine, con rammarico,  Comolli:
“Come mai il famoso guado di Sigerico è spesso “bypassato” da pellegrini, camminatori, turisti? Esiste un antagonismo e non c’è credibilità e fiducia? Perché i camminatori europei preferiscono seguire l’argine del fiume Po sulla sponda lombarda (attrezzata e asfaltata) ed entrare in città di Piacenza da porta Milano e andare subito in stazione ferroviaria, caricare le bici  sul treno scendendo a Fiorenzuola o a Fidenza? Che attrazione ha Fidenza che non ha Piacenza? Certamente l’insicurezza stradale consiglia di fare il salto, ma Piacenza è tagliata fuori. Colpa anche di noi piacentini che siamo adagiati, contenti del nostro orto, distanti dal campo del vicino. Forse un po’ di prese di posizioni, investimenti strategici, meno rattoppi, meno rincorse… farebbero bene. Spero nella Fondazione per una strategia sui “cammini piacentini” attraenti”.    
—————————————————————

Aderenti, sostenitori e partecipanti al Comitato Tratta Piacenza – Via Francigena

Comuni: Calendasco, Rottofreno, Pontenure, San Giorgio, Carpaneto, Fiorenzuola, Alseno, oltre a Castell’Arquato, Cortemaggiore, Sarmato, Vernasca
Enti : Banca di Piacenza (ha messo a disposizione del Comitato l’ufficio relazioni e comunicazione e archivi), Ente Farnese, Archivio di Stato, Opera Pia Alberoni, Italia Nostra, Transitum Padi, Ordine Agronomi Forestali Piacenza, AIGAE guide Europee, Beni Culturali Arte Sacra Curia Piacenza Bobbio, Agriturist Piacenza e Emilia Romagna, Agricycle Piacenza e Emilia Romagna, Confagricoltura Piacenza, Archivio Malaspina, Angsa Piacenza, Almaloci, Studioart, Fiorenzuola in movimento, Coll Tour e Isola 3 Ponti di Confcooperative.
Ricercatori, studiosi e circoli: Manrico Bissi, Tiziano Fermi,  Domenico Ferrari Cesena,  Davide Galli, Giorgio Braghieri, Carlo Francou, Marco Corradi, Sergio Efosi, Massimo Baldini, Fausto Balestra, Fabio Salotti, Pietro Chiappelloni, Alessandra Toscani,  Marco Campominosi, Eugenio Gentile, Obizzo e Currado Malaspina, Anna Maria Carini, Gildo Capucciati,  Andrea Tagliaferri, Daniela Ceresa,  Emanuela Torrigiani, Giancesare Schippisi, Valeria Poli, Lucia Cervato, elena Marsiglia, Jessica lavelli, Susanna Pighi, Piergiorgio Visentin.
Operatori:  commercianti, agricoltori, albergatori, agriturismi, gallerie d’arte.  Davide Rizzi, Maurizio Sesenna, Rosso Tiziano (lungo la via Francigena), Al Quindici, Enrica De Micheli di Volumnia.
Redazione Newsfood.com
Nutrimento & nutriMENTE
Vedi anche:

  • Piacenza in corsa per UNESCO: Via Francigena, conservazione del cibo, vino della SS.Messa, storia del Passito e Vinsanto

    Piacenza in corsa per UNESCO: Via Francigena, conservazione del cibo, vino della SS.Messa, storia del Passito e Vinsanto

    22 GENNAIO 2021

    Via francigena tratta piacenza – tematismo unesco in sintonia con Piacenza Piacenza per UNESCO: Via Francigena, conservazione del cibo, vino della SS.Messa, storia del Passito e Vinsanto   Piacenza, 22 gennaio 2021   UNESCO: sempre più candidature gastronomiche da tutto il mondo. Piacenza ha … Leggi tutto

  • Via Francigena Italia candidatura a patrimonio Unesco – un comitato scientifico “TrattaPiacenza” a sostegno della proposta

    Via Francigena Italia candidatura a patrimonio Unesco – un comitato scientifico “TrattaPiacenza” a sostegno della proposta

    15 GENNAIO 2021

    Via Francigena Italia candidatura a patrimonio Unesco – un comitato scientifico “TrattaPiacenza” a sostegno della proposta Piacenza, 13 gennaio 2021 A Piacenza nasce il primo Comitato Scientifico Culturale riferito alla sola “Tratta Piacenza” a sostegno della candidatura della Via … Leggi tutto

  • Via Francigena Tratto Piacenza: comitato pro Patrimonio Unesco – Referente Giampietro Comolli

    Via Francigena Tratto Piacenza: comitato pro Patrimonio Unesco – Referente Giampietro Comolli

    29 OTTOBRE 2020

    VIA FRANCIGENA ITALIA PATRIMONIO DELL’UNESCO? COSTITUITO UN COMITATO DI SOSTEGNO DELLA “TRATTA PIACENZA” Piacenza, 29 ottobre 2020 Si è costituito il “Comitato del Tratto Piacenza della Via Francigena Italia pro Unesco”. Un sodalizio – volontario senza fini di lucro – composto da … Leggi tutto

  • L’ex hotel San Marco di Piacenza, stellato albergo liberty, in evidenza  su Italia Nostra web

    L’ex hotel San Marco di Piacenza, stellato albergo liberty, in evidenza su Italia Nostra web

    6 FEBBRAIO 2021

    L’ex hotel San Marco in evidenza sul sito nazionale di Italia Nostra Sgarbi: «La pensilina è memorabile». Comolli: «Dobbiamo convincere i padroni di casa della necessità di restituire il bene alla collettività»Milano, 6 … Leggi tutto

  • PIACENZA 2020 GOLA GOLA FOOD and PEOPLE FESTIVAL  2020 con la mascherina

    PIACENZA 2020 GOLA GOLA FOOD and PEOPLE FESTIVAL 2020 con la mascherina

    2 SETTEMBRE 2020

    Piacenza, mercoledì 3 settembre 2020   Non siamo ancora fuoi dal ginepraio CoronaVirus e qualcosa comincia a muoversi. Stamattina è stata inaugurata Cibus Forum a Parma e, nel fine settimana, a Piacenza ci sarà Gola Gola Festival a Piacenza. E’ un modo per … Leggi tutto

  • GOLA GOLA FESTIVAL PIACENZA 2019: questo matrimonio sa da ripetere

    GOLA GOLA FESTIVAL PIACENZA 2019: questo matrimonio sa da ripetere

    10 GIUGNO 2019

    PRIMA EDIZIONE DI GOLA GOLA FESTIVAL PIACENZA SUCCESSO SI… SUCCESSO NO – IL PARERE DEI PIACENTINI … IL PARERE DEI NON PIACENTINI UN EVENTO VOLUTO DA POCHI MA ACCOLTO DA MOLTI   Abbiamo girato dietro le quinte, abbiamo usato porte di servizio, ci siamo … Leggi tutto

  • Al Gola Gola Food Festival … un master sul sale, a Piacenza

    Al Gola Gola Food Festival … un master sul sale, a Piacenza

    3 GIUGNO 2019

    PIACENZA GOLA GOLA FOOD and PEOPLE FESTIVAL ALLA SCOPERTA DEL GUSTO: IL SALE A TAVOLA Piacenza, 7-9 giugno 2019 Esiste da sempre, da sempre si usa per la conservazione del cibo: il sale. Senza il sale non avremmo oggi tante Dop … Leggi tutto

  • PIACENZA, IL CIBO CRUDO E’ NATURA, IL CIBO COTTO E’ CULTURA

    PIACENZA, IL CIBO CRUDO E’ NATURA, IL CIBO COTTO E’ CULTURA

    25 APRILE 2019

    IL CIBO CRUDO E’ NATURA, IL CIBO COTTO E’ CULTURA   PIACENZA CAPITALE ITALIANA DELLA CONSERVAZIONE DEL CIBO E DEL VINO IL CIBO E IL VINO SONO ESPRESSIONE DI UNA LUNGIMIRANTE CULTURA LAICO-RELIGIOSA CHE UNISCE, CHE ACCOMUNA  E FA STARE IN … Leggi tutto

  • MOVIMENTO LENTO ESCURSIONI NUOVO TURISMO CAMBIO DI VITA

    MOVIMENTO LENTO ESCURSIONI NUOVO TURISMO CAMBIO DI VITA

    22 APRILE 2021

    MOVIMENTO LENTO ESCURSIONI NUOVO TURISMO CAMBIO DI VITA Turismo lento. Cammini ed escursioni. Transizione ecoambientale. Un fenomeno in crescita con la pandemia Turismo e vacanza prossimale come alternativa. Convivialità a portata di tutti. Toccare … Leggi tutto

     

Redazione Newsfood.com
Nutrimento & nutriMENTE

Leggi Anche
Scrivi un commento