Premier Mario Draghi? Il generale c’è e bravo; ora serve lo Stato Maggiore e poi gli Ufficiali…

Premier Mario Draghi? Il generale c’è e bravo; ora serve lo Stato Maggiore e poi gli Ufficiali…

Premier Mario Draghi? Il generale c’è, e bravo! Ora serve lo Stato Maggiore e poi gli Ufficiali…

 

ULTIM’ora: la traduzione dell’articolo di Mario Draghi sul Financial Times di oggi
[01:30, 3/2/2021] Giuseppe Danielli: Forse mi sbaglio, ma stiamo vivendo un momento storico, mi permetto di disturbare ancora per inviare quanto ha scritto Draghi oggi sul Financial Times –

[01:30, 3/2/2021] Giuseppe: La traduzione dell’articolo di Mario Draghi al Financial Times, pubblicato poco fa.

La pandemia di coronavirus è una tragedia umana di proporzioni potenzialmente bibliche. Molti oggi vivono nella paura della propria vita o in lutto per i propri cari. Le azioni intraprese dai governi per evitare che i nostri sistemi sanitari vengano travolti sono coraggiose e necessarie. Devono essere supportati.
Ma queste azioni comportano anche un costo economico enorme e inevitabile. Mentre molti affrontano una perdita di vite umane, molti altri affrontano una perdita di sostentamento. Giorno dopo giorno, le notizie economiche stanno peggiorando. Le aziende affrontano una perdita di reddito nell’intera economia. Molti stanno già ridimensionando e licenziando i lavoratori. Una profonda recessione è inevitabile.

La sfida che affrontiamo è come agire con sufficiente forza e velocità per evitare che la recessione si trasformi in una depressione prolungata, resa più profonda da una pletora di valori predefiniti che lasciano danni irreversibili. È già chiaro che la risposta deve comportare un aumento significativo del debito pubblico.
La perdita di reddito sostenuta dal settore privato – e qualsiasi debito accumulato per colmare il divario – deve alla fine essere assorbita, in tutto o in parte, dai bilanci pubblici. Livelli di debito pubblico molto più elevati diventeranno una caratteristica permanente delle nostre economie e saranno accompagnati dalla cancellazione del debito privato.

È il ruolo corretto dello stato distribuire il proprio bilancio per proteggere i cittadini e l’economia dagli shock di cui il settore privato non è responsabile e che non può assorbire. Gli Stati l’hanno sempre fatto di fronte alle emergenze nazionali. Le guerre – il precedente più rilevante – sono state finanziate da aumenti del debito pubblico. Durante la prima guerra mondiale, in Italia e Germania tra il 6 e il 15% delle spese di guerra in termini reali fu finanziato dalle tasse. In Austria-Ungheria, Russia e Francia, nessuno dei costi continui della guerra furono pagati con le tasse. Ovunque, la base imponibile è stata erosa dai danni di guerra e dalla coscrizione. Oggi è a causa dell’angoscia umana della pandemia e della chiusura.

La domanda chiave non è se, ma come lo Stato dovrebbe mettere a frutto il proprio bilancio. La priorità non deve essere solo quella di fornire un reddito di base a coloro che perdono il lavoro. Dobbiamo innanzitutto proteggere le persone dalla perdita del lavoro. In caso contrario, emergeremo da questa crisi con un’occupazione e una capacità permanentemente inferiori, poiché le famiglie e le aziende lottano per riparare i propri bilanci e ricostruire le attività nette.

I sussidi per l’occupazione e la disoccupazione e il rinvio delle tasse sono passi importanti che sono già stati introdotti da molti governi. Ma proteggere l’occupazione e la capacità produttiva in un momento di drammatica perdita di reddito richiede un immediato sostegno di liquidità. Ciò è essenziale per tutte le imprese per coprire le proprie spese operative durante la crisi, siano esse grandi aziende o ancora di più piccole e medie imprese e imprenditori autonomi. Diversi governi hanno già introdotto misure di benvenuto per incanalare la liquidità verso le imprese in difficoltà. Ma è necessario un approccio più completo.

Mentre diversi paesi europei hanno diverse strutture finanziarie e industriali, l’unico modo efficace per entrare immediatamente in ogni falla dell’economia è di mobilitare completamente i loro interi sistemi finanziari: mercati obbligazionari, principalmente per grandi società, sistemi bancari e in alcuni paesi anche le poste per tutti gli altri. E deve essere fatto immediatamente, evitando ritardi burocratici. Le banche in particolare si estendono in tutta l’economia e possono creare denaro istantaneamente consentendo scoperti di conto corrente o aprendo linee di credito.
Le banche devono prestare rapidamente fondi a costo zero alle società disposte a salvare posti di lavoro. Poiché in questo modo stanno diventando un veicolo per le politiche pubbliche, il capitale necessario per svolgere questo compito deve essere fornito dal governo sotto forma di garanzie statali su tutti gli ulteriori scoperti o prestiti. Né la regolamentazione né le regole di garanzia dovrebbero ostacolare la creazione di tutto lo spazio necessario nei bilanci bancari a tale scopo. Inoltre, il costo di queste garanzie non dovrebbe essere basato sul rischio di credito della società che le riceve, ma dovrebbe essere zero indipendentemente dal costo del finanziamento del governo che le emette.

Le aziende, tuttavia, non attingeranno al supporto di liquidità semplicemente perché il credito è economico. In alcuni casi, ad esempio le aziende con un portafoglio ordini, le loro perdite possono essere recuperabili e quindi ripagheranno il debito. In altri settori, probabilmente non sarà così.
Tali società potrebbero essere ancora in grado di assorbire questa crisi per un breve periodo di tempo e aumentare il debito per mantenere il proprio personale al lavoro. Ma le loro perdite accumulate rischiano di compromettere la loro capacità di investire in seguito. E, se l’epidemia di virus e i blocchi associati dovessero durare, potrebbero realisticamente rimanere in attività solo se il debito raccolto per mantenere le persone impiegate in quel periodo fosse infine cancellato.

O i governi compensano i mutuatari per le loro spese, o quei mutuatari falliranno e la garanzia sarà resa valida dal governo.
Se il rischio morale può essere contenuto, il primo è migliore per l’economia.
Il secondo percorso sarà probabilmente meno costoso per il budget. Entrambi i casi porteranno i governi ad assorbire una grande parte della perdita di reddito causata dalla chiusura, se si vogliono proteggere posti di lavoro e capacità.

I livelli del debito pubblico saranno aumentati.
Ma l’alternativa – una distruzione permanente della capacità produttiva e quindi della base fiscale – sarebbe molto più dannosa per l’economia e infine per il credito pubblico.
Dobbiamo anche ricordare che, visti i livelli attuali e probabili futuri dei tassi di interesse, un tale aumento del debito pubblico non aumenterà i suoi costi di servizio.

Per alcuni aspetti, l’Europa è ben equipaggiata per affrontare questo straordinario shock. Ha una struttura finanziaria granulare in grado di incanalare i fondi verso ogni parte dell’economia che ne ha bisogno. Ha un forte settore pubblico in grado di coordinare una risposta politica rapida. La velocità è assolutamente essenziale per l’efficacia.

Di fronte a circostanze impreviste, un cambiamento di mentalità è necessario in questa crisi come lo sarebbe in tempi di guerra. Lo shock che stiamo affrontando non è ciclico. La perdita di reddito non è colpa di nessuno di coloro che ne soffrono. Il costo dell’esitazione può essere irreversibile. Il ricordo delle sofferenze degli europei negli anni ’20 è abbastanza una storia di ammonimento.

La velocità del deterioramento dei bilanci privati ​​- causata da una chiusura economica che è sia inevitabile che desiderabile – deve essere soddisfatta della stessa velocità nello schierare i bilanci pubblici, mobilitare le banche e, in quanto europei, sostenersi a vicenda nel perseguimento di ciò che è evidentemente una causa comune.

#draghi #covid19 #crisi #reazioni #bce

Mario Draghi è indubbiamente l’uomo giusto per gestire una situazione così disastrosa, sicuramente il più capace, colui che conosce bene i meccanismi di quell’Europa che molti di noi considerano solo una cattiva matrigna.

Non è tutto sbagliato ma non pensiamo che Draghi voglia fare solo il tappabuchi e il burattino manovrato dai fili di qualche burattinaio (me lo auguro vivamente…).

Mi aspetto un uomo forte, che non si lascia tirare la giacchetta da nessuno. Lo vedo come una persona cosciente e determinata a fare tutto il possibile per riportare l’economia dell’Italia a valori accettabili, e soprattutto recuperare la speranza degli Italiani. I giovani in particolare non meritano l’eredità di un futuro fatto di debiti, senza la possibilità di poterli onorare…

Spero tanto che sia ben ferrato in trattati di strategia militare come lo è nella gestione finanziaria ed economica dimostrata sul campo in Europa.

Credo anche, purtroppo, che la sua fatica più grande sia quella di trovare i giusti e leali collaboratori (sperando che siano nomi nuovi) coi quali poter studiare e mettere in atto la miglior strategia, senza dimenticare i tanti NO che dovrà essere in grado di dare a coloro che sono abituati a fare la questua nel transatlantico. E tanti di questi diventeranno suoi nemici, e tenteranno in tutti i modi di mettergli i bastoni tra le ruote.
I sistemi sono tanti…  dallo sciopero bianco di funzionari al vandalismo e persecuzione mediatica, dai falchi tiratori alle varie potenti lobby nostrane ma soprattutto internazionali… (qui mi soffermo un attimo…) .
Spero che Super Mario abbia la ferma volontà di dare il meglio, che non abbia debiti di poltrone da dover concedere e che si renda conto che ha l’opportunità di diventare l’Uomo che ha salvato l’Italia… nel lontano annus horribilis 2021.

Forza “Drago”, siamo con te (pur sapendo che ci farai sputare sangue e lacrime,  ma l’importante è uscire dal tunnel e vedere uno spiraglio di cielo azzurro all’orizzonte).

E abbasso “Covid” … ma non tanto se da questa pandemia ci sarà il tanto sperato Nuovo Rinascimento Italiano … economico e soprattutto dei Veri Valori.

Giuseppe Danielli
Direttore e Fondatore
Newsfood.com
Nutrimento & nutriMENTE

 

Vedi anche:

  • Arriva Mario Draghi? Pensierino a Conte di fine Annus Horribilis 2020 o… fine mandato?

    Arriva Mario Draghi? Pensierino a Conte di fine Annus Horribilis 2020 o… fine mandato?

    30 DICEMBRE 2020

    Arriva Mario Draghi? Competenza ne ha da vendere ma serve la volontà di trovare soluzioni per un Nuovo Risorgimento dell’Economia Italiana. Pensierino a Conte di fine anno o… fine mandato? Ascoltare chi è più bravo, è un grande esempio di … Leggi tutto

  • Mario Draghi – Laurea Honoris Causa in Giurisprudenza, Università di Bologna

    Mario Draghi – Laurea Honoris Causa in Giurisprudenza, Università di Bologna

    23 FEBBRAIO 2019

    Università di Bologna: Mario Draghi – Laurea Honoris Causa in Giurisprudenza Date: Fri, 22 Feb Mario Draghi –  Laurea honoris causa conferita dall’Università di Bologna – Associazione AMICI DI MILANO Informa LAUREA HONORIS CAUSA AL PRESIDENTE BCE MARIO DRAGHI Il compiacimento dell’Associazione … Leggi tutto

  • Urge ricetta Mario Draghi anche per l’immobiliare per far ripartire il mattone e i risparmi

    Urge ricetta Mario Draghi anche per l’immobiliare per far ripartire il mattone e i risparmi

    25 GENNAIO 2015

    Inizio messaggio inoltrato: Oggetto: Intervento su Libero Quotidiano del 25 gennaio 2015 -Ci vuole un piano Draghi anche per far ripartire il mattone (e i risparmi) ACHILLE COLOMBO CLERICI* Data: 25 … Leggi tutto

  • Assoedilizia: bravo Mario Draghi per storica decisione BCE – 1.000 miliardi di ossigeno per l’economia

    Assoedilizia: bravo Mario Draghi per storica decisione BCE – 1.000 miliardi di ossigeno per l’economia

    23 GENNAIO 2015

    ——Original Message—– Date: Thu, 22 Jan 2015 19:05:18 Subject: Draghi BCE Decisione Storica – Soddisfazione e apprezzamento di Assoedilizia – Crescita economica possibile in Italia A s s o e d i l i z i a   e  Istituto Europa … Leggi tutto

  • Mario Draghi – Incertezza e investimenti – L’incertezza fiscale in campo immobiliare – La revisione del catasto

    Mario Draghi – Incertezza e investimenti – L’incertezza fiscale in campo immobiliare – La revisione del catasto

    8 AGOSTO 2014

    Gli italiani non si fidano degli immobili del mercato italiano. Ogni anno comperano all’estero una citta’ come Pisa. Dichiarazione del presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici: «Ha piena ragione Draghi: ” l’incertezza scoraggia … Leggi tutto

  • Mario Draghi principale favorito per la presidenza della Bce

    Mario Draghi principale favorito per la presidenza della Bce

    25 FEBBRAIO 2011

    ‘Mario Draghi è un “ottimo candidato” per la presidenza della Bce’. Le dichiarazioni di Thomas Mirow, presidente della Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo, trovano subito … Leggi tutto

  • Ci vuole un DRAGHI per essere costruttivi, positivi e guardare avanti

    Ci vuole un DRAGHI per essere costruttivi, positivi e guardare avanti

    26 MARZO 2020

    DRAGHI INSEGNA  COSTRUTTIVI E POSITIVI per GUARDARE AVANTI 26 marzo 2020 #coronavirus e il nostro domani. Non è una questione di Premier, ma Draghi è Federalista Europeo dell’Euro: velocità di risposta, liquidità, azioni dirette, salvare … Leggi tutto

  • Banca d’Italia è d’accordo con Draghi

    Banca d’Italia è d’accordo con Draghi

    31 MAGGIO 2010

    Il presidente della Cia Giuseppe Politi commenta le “Considerazioni finali” del governatore. Intervenire a sostegno delle imprese, in particolare quelle agricole, che vivono una fase di grande difficoltà. Condividiamo l’esigenza di dare prospettive certe ai giovani, … Leggi tutto

  • Unicredit: 4 miliardi di utili e 4 di Tremonti bond, niente bonus ai manager, Wall Street vola Draghi: ”No ai prefetti nelle banche”

    Unicredit: 4 miliardi di utili e 4 di Tremonti bond, niente bonus ai manager, Wall Street vola Draghi: ”No ai prefetti nelle banche”

    18 MARZO 2009

    Attesa alla Borsa di Milano per Unicredit. La banca di Produmo ha, infatti, chiuso il 2008 con un utile netto di pertinenza del gruppo di 4 miliardi e 12 milioni, ben al di sopra delle previsioni … Leggi tutto

  • Borse ok: Milano chiude a 10,93, Parigi a 11,18 Tremonti e Draghi: più liquidità alle banche Il Governatore: l’Euribor deve andare sotto il 5%

    13 OTTOBRE 2008

    In Borsa una giornata … Leggi tutto

  • Crisi mutui, ADUSBEF: Draghi annunci le sue dimissioni oggi ad Amsterdam!

    29 SETTEMBRE 2008

    Nella riunione plenaria ad Amsterdam per il Financial Stability Forum, l’organismo presieduto dal Governatore della Banca d’Italia, Mario Draghi, che tiene oggi la sua riunione plenaria… Leggi tutto

  • Draghi: «servono meno tasse a famiglie e imprese»

    31 MAGGIO 2008

    L’Italia può tornare a crescere, ma per farlo bisogna tagliare le tasse delle famiglie e delle imprese. E’ questo il monito del governatore della Banca d’Italia Mario Draghi, che nella … Leggi tutto

  • Draghi: «l’Italia può ripartire ma servono meno tasse»

    31 MAGGIO 2008

    L’economia italiana rimane debole per tutto il 2008, ma il Paese può tornare a crescere, ne è convinto il governatore della Banca d’Italia Mario Draghi. Nella sua relazione a … Leggi tutto

  • Draghi: «concentrare azione su produttività e crescita»

    31 MAGGIO 2008

    «Ridurre la spesa pubblica si deve e si può e diminuire la pressione fiscale per dare respiro a famiglie ed imprese alleggerendo il prelievo dove si può dare maggiore … Leggi tutto

  • Reazioni positive alla relazione del Governatore di Bankitalia Draghi

    31 MAGGIO 2008

    Tanti apprezzamenti dal mondo politico, sindacale e produttivo alle «Considerazioni finali» che il governatore della Banca d’Italia Mario Draghi ha letto oggi all’assemblea annuale. Se il premier Silvio … Leggi tutto

  • Mutui, Draghi: «La crisi non è finita»

    12 APRILE 2008

    La crisi dei mercati finanziari «non è ancora finita: bisogna continuare ad agire» lo ha affermato il governatore della Banca d’Italia e presidente del Financial Stability Forum Mario … Leggi tutto

     

Redazione Newsfood.com
Nutrimento & nutriMENTE

Leggi Anche
Scrivi un commento