Arriva Mario Draghi? Pensierino a Conte di fine Annus Horribilis 2020 o… fine mandato?

Arriva Mario Draghi? Pensierino a Conte di fine Annus Horribilis 2020 o… fine mandato?

Arriva Mario Draghi? Competenza ne ha da vendere ma serve la volontà di trovare soluzioni per un Nuovo Risorgimento dell’Economia Italiana.


Pensierino a Conte di fine anno o… fine mandato?

Ascoltare chi è più bravo, è un grande esempio di intelligenza e di merito!  Perché tutt’un tratto “pensatori” politici riformisti, silenti su certi argomenti,  tirano fuori assi pesantissimi dalla manica? Perché imprese italiane, anche salvate con soldi pubblici e di noi italiani,  investono miliardi in altri paesi europei, e che paesi?

 

La recente intervista di Mario Draghi è l’ennesima considerazione semplice chiara perfetta chiavi in mano. Basterebbe scrivere qualche decreto, portarlo in Parlamento, e avrebbe forse l’80% dei consensi. Perché non si fa? Perché non “l’ho detto io”! La cura e la medicina è molto chiara. L’obiettivo è ancora più chiaro. La cura della attuale depressione e sicuramente di un PIL in forte regressione, di due cifre di sicuro, ma non si sa ancora di quanto: 160 o 320 mld/euro?

Non sono cifre buttate a caso: sono cifre poi derivanti solo da una “mancata produttività e fatturazione” escludendo tutte le spese più o meno pubbliche (ulteriore debito pubblico) legate agli obblighi delle infrastrutture, strutture, immobili a carico dello Stato e delle Regioni. Quindi se l’Italia prendesse tutti gli euro messi a disposizione dalla UE (a prestito e a fondo perduto) pari a circa 300 mld andrebbero tutti a sanare un gap di bilancia pubblica.

Draghi è chiaro: spetta allo Stato (e Regioni) e banche (e finanziarie assicurazioni) intervenire in modo pesante e veloce. Alle imprese occorre liquidità immediata. Evidentemente da fornire in modo corretto, con un tasso minimo equo, dilazionati in 30 anni, ma ad alcune condizioni.

Per esempio che, dopo 30 anni di agevolazioni, prestiti, fondi perduti, sostegni, ammortamenti del 140%, bonus del 110%… la stessa azienda o multinazionale cambi sede fiscale, vada in qualche paradiso con tasse forfait del 45, investa alcuni mld/dollari in paesi diversi, magari anche così detti sovranisti e nazionalisti europei, per costruire fabbriche di auto ibride al 100% come per esempio succede con FCA automobile!

 

Il saggio ragionamento di Draghi consiglia (credo si rivolga anche a suocera perché nuora sappia) di attivare immediatamente scelte di visione post-pandemia, non è mai presto, perché bisogna evitare danni economici collaterali alla porta delle imprese e dei singoli cittadini perché per forza si dovranno cambiare i modelli economici.

Le piccole imprese e i cittadini stanno erodendo il capitale a risparmio, eccetto chi non ha patito nessuna perdita di stipendio fisso, addirittura ha aumentato il patrimonio a risparmio, per far fronte ai bisogni di liquidità e al caos di norme contingenti, ma il danno fra un anno sarà superiore al dato contabile amministrativo.

Da un lato le banche di territorio e sane devono essere sostenute nel favorire il maggior flusso immediato di credito a tassi quasi zero, parimenti i gestori assicurativi e di finanziarie devo essere chiamati a correo con iniezioni di liquidità azionarie e obbligazionarie nel sistema preposto alla elargizioni dei “ sostegni” diretti e immediati, mentre il Governo deve immediatamente consentire cancellazioni, condoni, riduzioni, spostamenti in avanti di tutte le imposte e tasse che dovrebbe incassare dalle imprese e da chi non ha più una Irpef da presentare in modo che ci sia una vera semplificazione e sburocratizzazione.

Devono essere gli uffici pubblici, aperti e coperti, che devono attivare processi di affidamento, di controllo, di vigilanza e di ricontrollo ma eliminando tutte le domande telematiche e cartacee. Chi sbaglia poi paga, deve pagare sia esso il dirigente pubblico che l’imprenditore o il cittadino furbetto.

Questo avrebbe semplificato tutto: chi è colpito dalla pandemia non versa le tasse e imposte in proporzione al danno, i soldi UE sono gestiti e incassati dallo Stato e Regioni a compensazione. Lo Stato è un sostituto d’imposta.

 

Se a questo si abbina qualche pensierino di medici affidabili, non catastrofisti e realisti, che presumono che questo sia un primo caso-virus eclatante che può avvisare di successive malattie, tutto quanto non viene fatto ora creerà gravissimi problemi soprattutto alle generazioni dai 45 anni in giù.

Diciamo che chi nel 2020 aveva sulle spalle già più o meno 20-25 anni di lavoro pagato con previdenza ed assistenza non diventerà ricco ma potrà usufruire di risparmi e di una pensione che alla scadenza giusta arriverà. Ma tutti gli altri, i nostri figli e nipoti? Perché i vertici della sanità italiana (governo, ministero, istituto sanitario, consiglio superiore e commissario deus ex machina) hanno sposato soprattutto il vaccino AstraZeneca attualmente con qualche difficoltà e lungaggine maggiore rispetto ad altri?

Come mai, dopo mesi e mesi di tabelle della Protezione Civile e di Consiglio superiore sui tamponi, già oggi non c’è e non viene prevista una tabella per Comune, per Regione di quanti (e Chi!!) sono stati vaccinati al giorno?

Infonderebbe fiducia speranza sicurezza e trasparenza verso milioni e milioni di italiani. Perché no? Si stanno alzando, finalmente, sempre più voci autorevoli, pensatori importanti espressione anche di una parte politica che ci governa in questo periodo e da molto tempo, a favore della vaccinazione obbligatoria, non volontaria, con motivazioni ineludibili, sacrosante, impeccabili.

Perché no? Infine il parere di due insigni esperti, emeriti esponenti politici di una parte, che non mi sarei mai aspettato di leggere in questi giorni con affermazioni così nette e precise, a latere ma molto trancianti come quelle del Matteo fiorentino: faccio riferimento al prof Cassese noto costituzionalista che boccia tutte le scelte governative come “… apoteosi di un corporativismo ampio e diffuso sulle spalle dei giovani e dei cittadini più deboli e meno capaci e pronti a recuperare e reagire” e al prof Ichino notissimo giuslavorista e ex ministro che dice che il codice civile consente al datore di lavoro, senza fare differenza fra datore pubblico o privato, “… il licenziamento immediato del dipendente che non si vaccina in quanto causa di danno per gli altri colleghi di lavoro e per la struttura di lavoro stessa.

Infine, altro monito a Chi ci governa, possibile che i fondi in bilancio dello Stato messi a disposizione due anni fa per quota100 e reddito di cittadinanza non siano stati tutti usati, anzi c’è stato un risparmio di quasi il 50% dello stanziamento preventivo, eppure non c’è Regione italiana in cui sono stati denunciate decine e decine di falsi “bisognosi” di reddito di cittadinanza, senza pensare a quanti “furbetti del redditino” siano sfuggiti alla mole dei controlli della Guardia di Finanza, ufficio vigilanza dell’Inps, polizia investigativa municipale e Agenzia Entrate, magari super-incrociando i dati telematici di tutti!

 

 

 

Giampietro Comolli
Newsfood.com
© Riproduzione Riservata

Giampietro Comolli

Giampietro Comolli
Economista Agronomo Enologo Giornalista
Libero Docente Distretti Produttivi-Turistici

Mob +393496575297

Editorialista Newsfood.com
Economia, Food&Beverage, Gusturismo
Curatore Rubrica Discovering in libertà
Curatore Rubrica Assaggi in libertà

Redazione Newsfood.com
Contatti

 

Vedi articoli PostcoronaVirus di Giampietro Comolli

Vedi anche:

  • Arriva Mario Draghi? Pensierino a Conte di fine Annus Horribilis 2020 o… fine mandato?

    Arriva Mario Draghi? Pensierino a Conte di fine Annus Horribilis 2020 o… fine mandato?

    30 DICEMBRE 2020

    Arriva Mario Draghi? Competenza ne ha da vendere ma serve la volontà di trovare soluzioni per un Nuovo Risorgimento dell’Economia Italiana. Pensierino a Conte di fine anno o… fine mandato? Ascoltare chi è più bravo, è un grande esempio di … Leggi tutto

  • Ci vuole un DRAGHI per essere costruttivi, positivi e guardare avanti

    Ci vuole un DRAGHI per essere costruttivi, positivi e guardare avanti

    26 MARZO 2020

    DRAGHI INSEGNA  COSTRUTTIVI E POSITIVI per GUARDARE AVANTI 26 marzo 2020 #coronavirus e il nostro domani. Non è una questione di Premier, ma Draghi è Federalista Europeo dell’Euro: velocità di risposta, liquidità, azioni dirette, salvare … Leggi tutto

  • Mario Draghi –  Laurea Honoris Causa in Giurisprudenza, Università di Bologna

    Mario Draghi – Laurea Honoris Causa in Giurisprudenza, Università di Bologna

    23 FEBBRAIO 2019

    Università di Bologna: Mario Draghi – Laurea Honoris Causa in Giurisprudenza Date: Fri, 22 Feb Mario Draghi –  Laurea honoris causa conferita dall’Università di Bologna – Associazione AMICI DI MILANO Informa LAUREA HONORIS CAUSA AL PRESIDENTE BCE MARIO DRAGHI Il compiacimento dell’Associazione … Leggi tutto

  • Urge ricetta Mario Draghi anche per l’immobiliare per far ripartire il mattone e i risparmi

    Urge ricetta Mario Draghi anche per l’immobiliare per far ripartire il mattone e i risparmi

    25 GENNAIO 2015

    Inizio messaggio inoltrato: Oggetto: Intervento su Libero Quotidiano del 25 gennaio 2015 -Ci vuole un piano Draghi anche per far ripartire il mattone (e i risparmi) ACHILLE COLOMBO CLERICI* Data: 25 … Leggi tutto

  • Assoedilizia: bravo Mario Draghi per storica decisione BCE – 1.000 miliardi di ossigeno per l’economia

    Assoedilizia: bravo Mario Draghi per storica decisione BCE – 1.000 miliardi di ossigeno per l’economia

    23 GENNAIO 2015

    ——Original Message—– Date: Thu, 22 Jan 2015 19:05:18 Subject: Draghi BCE Decisione Storica – Soddisfazione e apprezzamento di Assoedilizia – Crescita economica possibile in Italia A s s o e d i l i z i a   e  Istituto Europa … Leggi tutto

LiberoQuotidiano.it
Vittorio Feltri, Mario Draghi premier? “Solo se in Parlamento non ci fosse questa banda di disadattati”
I lettori dei quotidiani avranno notato che un giorno sì e l’altro pure nei titoli e negli articoli figura il nome di Mario Draghi , ex ca…
1 giorno fa
Ck12 Giornale
Berlusconi scarica gli alleati e lancia Mario Draghi per il ruolo di Premier
Silvio Berlusconi si prepara alla crisi di governo e lancia il nome di Mario Draghi come Premier al posto di Giuseppe Conte.
55 min fa
Investire Oggi
C’è davvero l’ombra di Mario Draghi dietro alla possibile crisi del governo Conte a gennaio?
La maggioranza giallo-rossa è in gran fibrillazione per le troppe divisioni interne. La politica s’interroga sulle possibili conseguenze della …
4 ore fa
UrbanPost
Mario Draghi, la telefonata a De Laurentiis potrebbe costargli cara
Alle volte basta una mossa falsa a far saltare tutti i piani. Difficile dubitare di Mario Draghi, ma la sua telefonata al presidente del Napoli Aurelio …
2 giorni fa
TecnoAndroid
Mario Draghi, ex presidente Bce: chi è, la sua carriera e curiosità
Uno degli uomini più potenti al mondo, il primo in Italia secondo Forbes. Scopriamo nel dettaglio chi è Mario Draghi e tutto ciò che ha fatto.
1 ora fa
La Repubblica
Verifica, Boccia: “Chi pensa a Draghi sbaglia analisi e strategia. Se cadiamo, c’è solo il voto”
Il ministro dem agli Affari Regionali: “Come si fa a fare una crisi in piena pandemia? In ogni caso, il Pd non avallerà pasticci. Coinvolgere …
1 settimana fa
Il Fatto Quotidiano
Mario Draghi al G30: “La situazione è peggiore di come sembra, è urgente agire”
“Il problema è peggiore di quel che appare” e “le autorità devono agire urgentemente“. L’allarme è di Mario Draghi, intervenuto nella veste di …
2 settimane fa
La Stampa
I timori di Draghi: siamo sull’orlo del precipizio
L’ex presidente della Bce: “Le autorità devono agire urgentemente”
2 settimane fa
Il Sole 24 ORE
Draghi al G30, imprese ad alto rischio, urgente agire
Il gruppo di consulenza accademica sulle politiche economiche richiama l’attenzione sulla necessità di aprire una fase nuova e puntare al …
2 settimane fa
Corriere della Sera
Draghi: «Crescita, serve uno sguardo lungo e progetti ad alto rendimento»
Da quando ha lasciato la presidenza della Banca centrale europea, più di un anno fa, Mario Draghi si esprime in pubblico piuttosto di rado.
2 settimane fa
Leggi Anche
Scrivi un commento