Un cerotto per battere l’allergia alle arachidi

Un cerotto per battere l’allergia alle arachidi

Un cerotto in grado di guarire l’allergia alle noccioline, riducendo il minimo i rischi della terapia.

Questo il prodotto di una ricerca in corso di un gruppo di scienziati francesi, diretta dal dottor Pierre-Henri Benhamou e descritta dalla versione Web del “Daily Telegraph”.

Per sconfiggere l’intolleranza, gli esperti sono partiti dai suoi punti di forza: la grande diffusione (la terza allergia,dopo uova e latte) e (sopratutto) la sua capacità di scatenare
reazioni pericolose con piccole quantità di prodotto. Questo rendeva necessaria una via alternativa ai sistemi tradizionali, basati sulla somministrazione di quantità
crescenti.

La risposta dei ricercatori è una striscia adesiva, una sorta di cerotto che si applica alla pelle: ciò consente di riceve l’allergene in dosi controllate, evitando il rilascio
diretto nel sangue e quindi lo shock.

Attualmente, il cerotto sta venendo testato su volontari umani, verificando la capacità di educare il corpo senza pregiudicarne la sicurezza. In caso di successo, la striscia
diventerà disponibile entro 3-4 anni.

FONTE: “Skin patch could cure peanut allergy”, Telegraph 30/05/011

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento