Rimini Fiera – MIA: i surgelati battono la crisi, consumi in aumento anche nel 2008

 

In un periodo in cui in quasi tutti i comparti, compresi quelli dei generi alimentari, ci sono consumi in flessione, decisamente in controtendenza appare quello degli alimenti
surgelati. Nel 2008, da gennaio a ottobre, in Italia ne sono stati venduti complessivamente 526.850 tonnellate con un aumento dell´1.7% rispetto ai primi dieci mesi del 2007.

Non a caso l´area espositiva della 39esima MIA (Mostra Internazionale dell´Alimentazione, a Rimini Fiera dal 14 al 17 febbraio), oltre a prevedere sezioni dedicate a
Catering, Specialità Regionali, Sandwiches&Snacks, Biocatering, Gluten Free e Logistica, mette in risalto FRIGUS, 13° rassegna dei prodotti surgelati e delle tecnologie
per il ciclo del freddo, che si svolge col patrocinio dell´Istituto Italiano Surgelati e rappresenta l´unico salone dedicato al settore in ambito fieristico. Di più:
agli alimenti surgelati è dedicata la seconda edizione del GDO BUYERS´ DAY, che si svolgerà martedì 17 febbraio.

Ma torniamo ai dati. In testa agli acquisti i prodotti vegetali con 223mila tonnellate ( 2,4%) pur con una flessione (-8,3%) dei surgelati ricettati che conferma l´orientamento
dei consumatori verso prodotti a prezzi più contenuti. Del resto anche i piatti ricettati in genere e le paste semilavorate mostrano flessioni rispettivamente dell´1,5 e
del 10%.

Tra gli altri prodotti sempre più consumate sono le patate ( 2,9% con oltre 69mila tonnellate) e il pesce (90.400 tonnellate 1,7%) prodotto per il quale il consumatore mostra
ormai la tendenza ad esplorare con maggiore convinzione le aree dell´innovazione, in particolare per quanto riguarda pastellati e panati (cresciuti lo scorso anno del 6% rispetto
al 2007) che possono essere preparati sia nella friggitrice, sia in forno.

In aumento nel 2008 anche i consumi di carne congelata, sia pure con volumi ancora estremamente contenuti: 4.100 tonnellate le carni rosse ( 3,5%) e 7mila quelle bianche ( 8%) Per
quanto riguarda in generale l´offerta di carni surgelate, va detto che l´intero settore sta proponendo referenze altamente innovative, basate su soluzioni di servizio con
una forte attenzione ai contenuti salutistici. Così non è raro trovare oggi nella variegata offerta di carne surgelata una serie di referenze ricettate che abbinano alla
carne determinati vegetali, contribuendo a determinare una complessiva resa organolettica di buon livello.

Stabile ( 0,1% per 68mila tonnellate) il consumo di pizze e snacks, cresciuto costantemente negli ultimi anni.

Anche nel 2008, dunque, il surgelato ha mantenuto le prerogative che ne hanno decretato il successo negli anni e che sono legate all´esigenza di un mangiar sano pur con uno stile
di vita caratterizzato da mancanza di tempo.

Dunque, grazie alle sempre più evidenti caratteristiche di qualità, sicurezza igienica e corretti valori nutrizionali, gli alimenti surgelati si caratterizzano come valide
alternative alle diverse preparazioni domestiche.

In conclusione è interessante evidenziare che, al di là delle contingenti criticità, il consumatore italiano è il meno propenso – a livello europeo – a
scendere a patti quando si parla di qualità alimentare e dunque continua ad indirizzarsi con ottime percentuali (30% ca.) verso un acquisto di surgelati di alta fascia.
Ciò significa che ripone la sua fiducia in prodotti e tipologie di marchi affermati e facilmente riconoscibili.

 

Leggi Anche
Scrivi un commento