Pesce, pollo, frutta e verdura. Ecco la dieta anti-Alzheimer

Pesce, pollo, frutta e verdura. Ecco la dieta anti-Alzheimer

L’alimentazione influenza la vulnerabilità all’Alzheimer. Una dieta ricca di carne e burro aumenta le probabilità di ammalarsi. Al contrario, dare spazio a cibi come pesce, pollo,
frutta, verdura e noci riduce il rischio.

Queste le conclusioni di una ricerca della Columbia University di New York (USA), diretta da l dottor Nikolaos Scarmeas e pubblicata su “Archives of Neurology”.

L’equipe del dottor Scarmeas ha messo sotto esame 2.148 soggetti di 65 anni, osservandone salute ed abitudini alimentare per 4 anni.

Alla fine, gli scienziati hanno notato come una dieta ricca di noci, pesce, pomodori, pollo, verdure crucifere (come broccoli e cavolfiori), verdure a foglia verde (come barbabietole, carote,
sedano e lattuga) e scura (come bieta e spinaci) e povera invece di carne rossa, interiora e burro fosse in grado di far calare le probabilità di Alzheimer del 38%.

Questo perché, spiegano gli i ricercatori, la dieta fornisce una serie di nutrienti. Acidi grassi (saturi, i monoinsaturi, gli omega-3 e gli omega-6) vitamine (in particolare la E e la
B12) ed i folati: il regime alimentare corretto ne fornisce in giuste quantità, che vengono trasformate dal corpo in armi contro l’insorgere della malattia.

Allora, chiude Scarmeas: “Lo studio ha dimostrato che questa combinazione di alimenti influenza il livello di acidi grassi e vitamine. In tal modo influenza anche il rischio di sviluppare
l’Alzheimer”.

Fonte: Yian Gu, Jeri W. Nieves,Yaakov Stern, Jose A. Luchsinger, Nikolaos Scarmeas, “Food Combination and Alzheimer Disease Risk:A Protective Diet”, Archives of Neurology 2010,
doi:10.1001/archneurol.2010.84

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento