Omega 3, proprietà e dove si trova negli alimenti 

Omega 3, proprietà e dove si trova negli alimenti 

Gli Omega 3 sono degli acidi grassi polinsaturi e si trovano in vari alimenti, specialmente nel pesce grasso, nei crostacei, nella frutta secca (soprattutto noci e mandorle), in vari tipi di semi e di oli vegetali e nella lecitina di soia. Sono considerati “essenziali” perché l’organismo, come per gli Omega 6, non è in grado di sintetizzarli autonomamente. Per questo motivo devono essere assunti attraverso l’alimentazione.

Benefici

Di solito si sente parlare di Omega tre e colesterolo. Secondo l’Efsa (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) gli Omega 3, effettivamente, contribuiscono al mantenimento di livelli normali di colesterolo nel sangue. Contribuiscono inoltre, al normale funzionamento del cuore e se assunto dalla madre, favorisce il normale sviluppo dell’occhio del feto e dei bambini allattati al seno.

L’apporto ideale giornaliero di Omega 3, che deve essere bilanciato in modo equilibrato con gli Omega 6, è fondamentale per qualunque tipo di dieta. La dose consigliata è circa 3 grammi al giorno. Alcuni importanti studi hanno confermato come gli Omega 3 siano un valido aiuto contro le malattie cardiovascolari, poiché sono in grado di ridurre il rischio di ictus, infarti, e di abbassare i livelli di colesterolo e trigliceridi.

Gli Omega 3 favoriscono anche la salute e la bellezza della pelle, riducendone l’invecchiamento e aiutano a proteggere dall’insorgenza di patologie neuro-degenerative. Diverse ricerche hanno confermato che questi acidi grassi svolgono un’azione positiva sull’ansia e sulla depressione, ma anche sulla sindrome metabolica e il diabete, migliorando la risposta insulinica e riducendo la steatosi epatica, una condizione tipica di chi soffre di sindrome metabolica o diabete.

Omega 3, dove si trovano?

Gli Omega 3 si dividono in quelli di origine vegetale, come l’acido alfa linoleico (ALA) e quelli animali, come l’EPA (acido ecosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico). Gli Omega 3 quindi, si trovano anche negli alimenti di origine vegetale, quali semi di lino e l’olio di soia, noci, semi di girasole, mandorle, semi di chia, ecc., tuttavia sono poco efficaci. Quelli che vanno assunti sono di origine animale e sono presenti in modo particolare nel pesce azzurro: salmone, sardine, sarde, sgombro, spigola, ostriche, gamberetti, trota, ecc. Anche le alghe e il Krill sono ricchi di Omega 3.

Integratori

L’olio di pesce è un’ottima fonte di Omega 3, tuttavia è bene preferire prodotti certificati, che siano quindi, privi metalli pesanti e tossine. Il dosaggio è di 1-2 grammi al giorno di olio di pesce (che contenga almeno 250-500 mg di EPA e DHA).

Possibili controindicazioni

Gli Omega 3 non presentano particolari controindicazioni, tuttavia quando si sceglie di introdurli attraverso l’assunzione di integratori si può incorrere in effetti collaterali, quali gas intestinali e difficoltà digestive. Questo succede soprattutto se la fonte è l’olio di pesce. Gli acidi grassi Omega 3 inoltre, possono aumentare il rischio di emorragie. Prima di assumerli quindi, è bene consultarsi con il proprio medico. Questa regola vale anche per le donne in gravidanza o che stanno allattando al seno.

Leggi Anche
Scrivi un commento