Mondovì: Peccati di Gola & XVII Fiera Regionale del Tartufo

Mondovì: Peccati di Gola & XVII Fiera Regionale del Tartufo

Mondovì: Peccati di Gola & XVII Fiera Regionale del Tartufo

Venerdì scorso è stata inaugurata a Mondovì Peccati di Gola & XVII Fiera Regionale del Tartufo, l’evento enogastronomico più importare della regione monregalese. In serata, all’inaugurazione ufficiale, guidata da Stefano Viglione, Sindaco della Città di Mondovì e Guido Tealdi, assessore al Turismo e manifestazioni, erano presenti tutte le istituzioni e i partner della manifestazione: Camera di commercio di Cuneo e di Imperia, l’ATL di Cuneo, Confcommercio, Confartigianato, Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo.

Il sindaco Viglione ha commentato così l’apertura dell’evento: “Anche quest’anno Peccati di Gola promuove il legame tra cibo e territorio e crea un percorso del gusto attraverso le vie e le piazze della città, grazie anche ai collegamenti con la funicolare. Il protagonista assoluto è dunque il cibo, genuino e sano. Qui ogni consumatore incontra il produttore e conosce la storia che c’è dietro ai prodotti e in questo modo conoscerà anche la cultura del territorio. Questa è la chiave del successo di Peccati di Gola”. Il Sindaco ha poi invitato i presenti a “peccare” gustando i prodotti monregalesi offerti dagli espositori.

L’edizione 2014 della manifestazione ha confermato ancora una volta di essere l’evento enogastronomico più importante del monregalese. Nei tre giorni dell’evento sono stati oltre 8.000 i biglietti venduti alle casse di Piazza della Repubblica e Piazza Maggiore, registrando presenze non soltanto da tutto il Piemonte ma anche da Liguria, Lombardia e dalla Francia Un risultato straordinario, alla luce del fatto che quest’anno il primo giorno dell’evento è stato lavorativo, a differenza del 2013 che vide la manifestazione svolgersi in 3 giorni festivi

Il grande appuntamento del gusto si è svolto nel segno dei prodotti a Km. Zero, in tre giorni di tante tentazioni e muovendosi tra le piazze e i vicoli dell’altilenante città monregalese, (ci si muove opportunamente con la funicolare infatti) secondo gli itinerari di gusti e sapori della tradizione. Nella Piazza dedicata a Cesare Battisti, nel centro di Breo, ribattezzata per l’occasione “Del Tartufo” era situata la base della manifestazione dedicata al prezioso tubero. In tutti e tre i giorni dalle 14 alle 23 c’è stato uno spazio aperto dove poter degustare i tartufi abbinati alla carne cruda, o grattugiati sull’uovo (la morte sua, come si suol dire) o sui tajarin classici, sulla ricetta indicata dai trifolao.

Nell’attigua Piazza della Repubblica, vero cuore di “Peccati di Gola 2014” ci sono stati presenti 70 dei 90 produttori partecipanti, spaziando in termini di prodotti dalla carne, ai formaggi alla frutta e verdura.

La Kermesse ha affiancato lo stand dell’Osteria dei golosi, spazio dove le Confraternite del cuneese hanno proposto un autentico brand dei prodotti della tradizione culinaria del monregalese (dai funghi alla polenta, fino alla castagna bianca), con il sottofondo di canzoni dialettali. Le Osterie dei golosi: l’area del gusto di Piazza della Repubblica, sono state sempre affollate di gente nei tre giorni dell’evento.

Tra i patti più apprezzati, la polenta, i ravioli artigianali, il bollito, la carne e le verdure alla griglia, la trippa, le piadine piemontesi, le birre e i vini e soprattutto la “Friciula”, il fritto misto da passeggio, novità di quest’anno. Molto apprezzato il tartufo monregalese e l’iniziativa Trifolao in cucina di Piazza Cesare Battisti.

C’è stato anche uno spazio anche per i dolci con vari produttori di cioccolato, biscotti e torte.

Ci sono state anche alcune full immersion riferite al formaggio di Bra ad esempio, mentre si sono esibiti gli showcooking con il Pane senza impasto di Jim Lahey, pasticcere newyorkese che ha imparato l’arte di fare il pane e i prodotti da forno in Italia per poi diventare celebre in tutto il mondo e che, in occasione della manifestazione, ha svelato i segreti della “rivoluzione” e del suo pane fatto in pentola.

Tra le numerose iniziative della giornata proposte, hanno registrato un successo di pubblico l’esperienza sensoriale dal titolo “Mozzarelliamo”, con dimostrazioni pratiche del casaro Michele Giraudo, sulle tecniche per la filatura della mozzarella ed assaggi in abbinamento al salame di bufala, e lo Showcooking goloso delle 12.00, oltre agli squisiti Cioccolatini di Joëlle Néderlants, autrice belga del cook’in book Cioccolatini “). La domenica si è tenuta la colazione del contadino e poi formaggi and friends, e, al pomeriggio, l’esperienza sensoriale delle “Magie del casaro”, ha proposto un vero e proprio laboratorio su come fare il formaggio che ha visto impegnati numerosi bambini con le loro famiglie, e lo showcooking goloso di Irene Berni con Quello che piace a Irene.

La prima giornata ha declinato Il digitale e l’agricoltura, con un convegno a cura di Quotidiano Piemontese, media partner della manifestazione. All’incontro sono intervenuti Giacomo Dotta, caporedattore di Web News e Sergio Chiarla, co-founder di Amicows. sul tema dell’impatto delle tecnologie digitali nel mondo dell’agricoltura. Si è tenuto anche un convegno a cura del Quotidiano Piemontese sul rapporto tra cibo e il digitale, tema sul quale è intervenuto l’esperto di digital, Carlo Boccazzi Varotto, che ha sottolineato l’importanza, per chi possiede un’attività commerciale, di essere sul web e di saper sfruttare le potenzialità delle reti di e-commerce. “In Italia abbiamo bisogno di far nascere imprenditori digitali in grado di creare un modello di rete e-commerce Made in Italy. ha spiegato Boccazzi Varotto – “ Il problema dell’Italia è però la mancanza di investimenti in infrastutture e di un quadro normativo che le regolamenti

Grosso successo di pubblico hanno riscosso anche per i tre appuntamenti con le Esperienze Sensoriali di Piazza della Repubblica: un pubblico ampio ed eterogeneo alla ricerca delle tipicità locali, genuine e di qualità, che dimostra ancora una volta come Peccati di Gola sia un appuntamento enogastronomico irrinunciabile non solo per i monregalesi… Alle 11 La colazione del contadino, degustazione di Crudo Cuneo DOP, Salame crudo e Pancetta al Barolo con pane e calice di vino. Alle 14 l’appuntamento con Formaggio & Friends, Robiola di Roccaverano DOP e Murazzano DOP a confronto in abbinamento ai prodotti d’eccellenza di Confartigianato Cuneo. Alle 16 appuntamento con il trio del gusto per eccellenza con l’incontro: Gli inseparabili: formaggi, salumi e vino.

“La formula di Peccati di Gola – ha commentato in conclusione il sindaco di Mondovì Stefano Viglione – che scende nelle piazze e nelle vie del centro storico si conferma vincente. Una vetrina per il territorio monregalese e sue eccellenze che ha portato un numero significativo di turisti provenienti da fuori confine”.

Sono andati esauriti tutti i posti per le tre cene peccaminose, all’Istituto Alberghiero Giovanni Giolitti, alle Cantine Bonaparte di Piazza Maggiore (dove si è registrata qualche defezione eccellente), con lo Chef “Ezzelino”, e al Baluardo in cui una chiusura in grande stile, con lo chef stellato Marc Lanteri ha fatto gli onori di casa proponendo la sua celebre Cucina di confine: una continua fusione tra territori, stili, tradizioni franco- piemontesi, tutto riletto e reinterpretato utilizzando esclusivamente materie prime del territorio e rispettando il ritmo delle stagioni.

L’appuntamento da ricordare sin d’ora sui nostri taccuini d’eccellenza è con l’edizione 2015 .

www.peccatidigolamondovi.it

 

Andrea Novarino
per Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento