Lo stress ostacola la gravidanza

Lo stress ostacola la gravidanza

Una volta più, lo stress sul banco degli imputati. Questa volta è accusato di rendere difficile la gravidanza, inducendo una sorta di blocco temporaneo alla fertilità.

Lo dichiara una ricerca della Oxford University (Gran Bretagna), diretta dalla dottoressa Cecilia Pyper e pubblicata su “Fertility and Sterility”.

Gli scienziati hanno preso in esame 274 donne: tutte sane, d’età compresa tra i 18 ed i 40 anni. Le volontarie erano tutte impegnate nel tentativo di rimanere incinte in maniera
naturale. Durante l’esperimento, sono stati prelevati loro campioni di saliva, al fine di rilevare l’eventuale presenza degli ormoni spia dello stress, come cortisolo ed adrenalina.

In base alla analisi, alcune donne presentavano livelli rilevanti di alfa-amilasi. Come spiegano gli studiosi, questa è un indicatore dei livelli di adrenalina,dimostratosi in grado di
ridurre del 12% la possibilità di concepire. Diversamente, l’ormone cortisolo non mostrava significativamente differenze.

Sulla base di tali risultati, i ricercatori della Oxford ritengono che lo stress, se presenti in dosi elevate, possa ostacolare e ritardare la gravidanza, opponendosi alla naturale
fertilità femminile.

Conclude infatti la dottoressa Pyper: “Lo studio supporta l’idea che le coppie che stanno cercando di avere un figlio dovrebbero cercare di stare “tranquille”. In qualche caso anche tecniche di
rilassamento come lo yoga potrebbero essere d’aiuto”.

Fonte: Germaine M. Buck Louis, Kirsten J. Lum, Rajeshwari Sundaram, Zhen Chen, Sungduk Kim, Courtney D. Lynch, Enrique F. Schisterman, Cecilia Pyper, “Stress reduces conception
probabilities across the fertile window: evidence in support of relaxation”, Fertility and Sterility, In Press, Corrected Proof, Available online 5 August 2010,
doi:10.1016/j.fertnstert.2010.06.078

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento