Lo Stile Italiano nel mondo:

Lo Stile Italiano nel mondo:

 

Nel 1857, ad Alessandria, Giuseppe Borsalino fonda un  laboratorio artigianale per la produzione di
cappelli in feltro, il primo nucleo produttivo della Borsalino, azienda che ha segnato la storia del costume e della moda.

Humphrey Bogart, leggenda del cinema americano, è il testimonial più prestigioso del cappello Borsalino, parte
integrante della sua immagine dal fascino ruvido ed elegante.

Nel 1970 Alain Delon, interpretando nell’omonimo film il personaggio di Borsalino, indossa una coppola del cappellificio
alessandrino per entrare nei panni di un personaggio ambiguo e attraente.

Il successo della Borsalino e dei suoi cappelli continua ancora oggi, sotto il segno di un felice connubio tra stile senza tempo ed
attenzione ai cambiamenti, celebrato nel Museo del Cappello di Alessandria, in cui sono esposti tutti i modelli prodotti dal 1857 ad oggi.

Il gruppo Ermenegildo Zegna è l’azienda di punta del distretto tessile biellese.

Il lanificio, fondato nel 1910 dal nonno degli attuali amministratori, si contraddistinse da subito per la pregiata qualità dei
tessuti e per l’attenzione, non comune all’epoca, alla salvaguardia della salute dei lavoratori e dell’ambiente.

I meravigliosi tessuti di lana del gruppo Zegna sono esportati in tutto il mondo e costituiscono la materia prima delle esclusive e
ricercatissime collezioni uomo/donna.

In provincia di Cuneo, nel 1947, con quattro telai per la tessitura inizia l’avventura del Gruppo
Miroglio
.

Attualmente il Gruppo è un’azienda di notevoli dimensioni, con filiali commerciali e stabilimenti all’estero, che
copre con la sua produzione tutto lo spettro del settore tessile, dalle fibre naturali, ai tessuti sintetici, ai filati greggi, alla carta transfer.

La qualità dei tessuti Miroglio si può apprezzare nei marchi di abbigliamento controllati dal Gruppo, tra cui Vestebene
che si rivolge  a tutta la famiglia, Elena Mirò che propone abbigliamento da donna nelle cosiddette taglie comode e Motivi che risponde alle esigenze
della clientela giovanile.

 

Con il musical “Chicago” ambientato negli anni ’30 la Borsalino ha guadagnato un altro
importante testimonial: l’avvocato Richard Gere, che in doppiopetto e Borsalino di ordinanza, cerca di difendere due affascinanti assassine ( Renée Zellwegger e Catherine
Zeta-Jones).

In un altro film di recente produzione “The family man”, Nicholas Cage, manager milionario che ha rinunciato alla famiglia
per gli affari, viene catapultato in una vita parallela in cui, con moglie e figli al seguito, si dispera per non potersi comprare, come era abituato,  un
elegantisisimo abito Zegna.

 

Dal 2000 a Serravalle Scrivia (Alessandria), si trova il più grande Outlet d’Europa, visitato ogni anno da circa tre
milioni di persone. Questo tempio dello shopping è ispirato ad una filosofia di soddisfazione totale del cliente riguardo al rapporto  qualità/prezzo  dei prodotti venduti e  alla necessità di creare uno spazio piacevole in cui si
può anche passeggiare, ristorarsi ed eventualmente riposarsi. Tutto ciò si esplicita nell’architettura dell’outlet, che si rifà al Settecento
ligure/piemontese, con edifici eleganti e colorati, campanili, portici, piazzette e viuzze interdette alle automobili che ospitano non solo negozi, ma anche ristoranti  e bar. Nell’Outlet sono presenti le firme e i marchi più prestigiosi italiani ed esteri, con prezzi scontati tutto l’anno dal 30 al 70 per
cento.

Leggi Anche
Scrivi un commento