Lavoro nero. De Castro: «poste le basi per un futuro più limpido»

«Riteniamo di avere posto le condizioni per far sì che la cronaca, in futuro, non registri più vicende come quella di Cerignola, di cui viene data notizia oggi.

Combattere il lavoro nero in agricoltura è stata infatti una delle priorità di questo Governo. Abbiamo varato per questo una serie di importanti misure. Fondamentale il protocollo
sul «welfare agricolo» siglato insieme al Ministro Damiano e contenuto nella manovra Finanziaria 2008, una grande, sostanziale riforma attesa da anni».

Lo ha dichiarato il Ministro delle Politiche agricole e alimentari Paolo De Castro, commentando quanto accaduto nel foggiano, dove 95 persone sono state denunciate per una truffa ai danni
dell’Inps, sospettati di simulazione di false assunzioni di braccianti agricoli. «La qualità dei rapporti di lavoro – ha aggiunto il Ministro – deve caratterizzare tutto l’ambito
delle produzioni dell’agroalimentare italiano. E’ in questa direzione che si inserisce ad esempio il Durc (documento unico di regolarità contributiva), strumento di trasparenza e
testimonianza dell’opera di moralizzazione intrapresa dal governo in tema lavorativo e fiscale.

Sempre con lo stesso obiettivo di combattere il lavoro nero sono stati pensati anche i «voucher vendemmia», destinati a studenti e pensionati per la prossima stagione di
raccolta». «Combattere il lavoro nero e salvaguardare i lavoratori significa anche – ha concluso il Ministro – mettere pienamente il settore agricolo nelle condizioni di poter dare
il suo incomparabile contributo allo sviluppo competitivo del Paese».

Leggi Anche
Scrivi un commento