Lavoro, Confesercenti: «contro sommerso serve impegno rigoroso»

«Il duro colpo inferto al lavoro irregolare in Puglia dimostra ancora una volta la vastità di un fenomeno che produce gravissime conseguenze anche sul piano della concorrenza
sleale, le stime sul lavoro sommerso parlano da sole: il tasso di irregolarità tocca il 13,4%, vale a dire oltre 3 milioni di occupati «invisibili», fra dipendenti ed
indipendenti.

Ecco perché serve un impegno rigoroso e senza quartiere contro tutte le forme di abusivismo e di occupazione illegale a partire da quelle legate ad imprese totalmente sommerse che
ignorano i diritti di tanti lavoratori e danneggiano tante aziende che operano alla luce del sole e con grande correttezza.

Le norme e diritti dei lavoratori concordate con le Confederazioni degli imprenditori (come la nostra) attraverso gli accordi ed i contratti di lavoro vanno rispettate da tutti, anche dalle
imprese regolari. Confesercenti è determinata a non offrire alcuna copertura a chi utilizza lavoratori in nero, come chiara forma di tutela degli imprenditori onesti ed anche come segno
tangibile di collaborazione all’azione di contrasto svolta dalle forze dell’ordine e dalle istituzioni locali per affermare la legalità come valore indiscutibile anche in
economia».

Leggi Anche
Scrivi un commento