Approvato regolamento contro lavoro nero nel Lazio

Roma – Via libera dalla giunta regionale del Lazio al regolamento attuativo delle «Disposizioni dirette alla tutela del lavoro, al contrasto e all’emersione del lavoro non
regolare», (legge numero 16 del 18 Settembre 2007).

«Il regolamento – ha detto l’assessore al lavoro Alessandra Tibaldi – e’ frutto di una lunga e paziente concertazione fra le parti sociali e i responsabili della sicurezza che hanno dato
un parere positivo unanime».

Il provvedimento, oltre a rendere più efficace l’azione di contrasto del lavoro nero utilizzando efficacemente l’osservatorio regionale e le ispezioni sul territorio soprattutto nei
settori agricolo edile e dei servizi, affronta il nodo delle lavoratrici immigrate incentivando le imprese a regolarizzare i lavoratori impiegati.

Un altro aspetto fondamentale riguarda la rigorosa applicazione della clausola di salvaguardia per cui le imprese subappaltanti devono mantenere almeno gli stessi livelli occupazionali previsti
all’origine.

«Abbiamo gia’ raggiunto dei risultati con le imprese di pulizie, ma con questo regolamento – ha sottolineato Tibaldi – intendiamo contrastare energicamente il lavoro nero, grigio o
sommerso, pensando, oltre che al mondo dell’agricoltura e dell’edilizia, alla componente strutturalmente più debole come le donne immigrate che devono essere tutelate non solo nel
settore delle imprese di pulizie ma anche in settori normalmente ritenuti erroneamente privilegiati come l’audiovisivo«

Leggi Anche
Scrivi un commento