La dieta del sondino arriva in Gran Bretagna

La dieta del sondino arriva in Gran Bretagna

Un prodotto italiano che piace, ma genera polemiche. La dieta del sondino, pensata all’interno dei confini italiani, arriva in Gran Bretagna con un carico di promesse e polemiche.

A dar conto della questione, il “Daily Telegraph”.

Secondo il giornale, l’importatore è il dottor Ray Shidrawi, gastroenterologo di livello che esegue la NEC (Nutrizione Enterale Chetogena, questo il nome scientifico), nella sua clinica
privata di Harley Street.

Come prevedibile, il metodo del dottor Shidrawy ricalca molto quello dei colleghi. In generale, il paziente viene posto in “Modalità di digiuno controllato” che, riducendo i nutrienti
esterni, costringendo al consumo di grasso interno.

Per iniziare, chi si rivolge agli specialisti di Harley Street viene sottoposto ad una serie di misurazioni: grasso, massa muscolare, acqua e minerali. Se non sorgono problemi, il medico
inserisce un tubo lungo e sottile (1,9 mm), che va dal naso allo stomaco. Per molti questo è il passaggio più critico: l’uso del sondino non è privo di rischi e “Non
è la procedura più piacevole”.

Comunque sia, dopo l’applicazione del sondino il soggetto riceve un contenitore, con dentro una soluzione in polvere da mescolare con acqua, due volte al giorno. Si ottiene allora una
soluzione, inserita in uno zainetto che tramite pompa, fa arriva il tutto goccia-a-goccia nello stomaco del paziente.

E se non basta un ciclo solo, dopo una pausa di 10 giorni si può iniziare da capo.

Come nel Belpaese, anche in Gran Bretagna la dieta del sondino spacca a metà l’opinione pubblica.

Per alcuni come, il 40enne Andreas Kallis, il gioco vale la candela, anche per tre trattamenti, come successo a luoi.

Per altri (tra cui la British Dietetic Association), il sistema è privo di certezze, a fronte di rischi come la drastica perdita di peso ed il ridotto apporto di calorie.

FONTE: Abigail Butcher”Would you choose the drip-fed diet to lose weight?”, Telegraph, 24/10/011

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento