In aumento numero trapianti di reni nel Lazio

Lazio – Cresce il numero dei trapianti di reni nella regione, nell’ultimo anno, infatti, sono stati 156 quelli effettuati, a fronte dei 140 del 2005: si tratta del numero di trapianti
più alto degli ultimi 12 anni. Sono 4118 i pazienti in dialisi al 31 dicembre 2006. Di questi 883 sono entrati solo nel corso del 2006 e la maggioranza dei nuovi casi, circa il 64%,
è rappresentata dagli uomini. Il tasso di incidenza nella popolazione non è aumentato rispetto al 2005 ma nell’arco del periodo 1994-2006 si è passati da 117 nuovi pazienti
per anno ogni milione di abitanti nel 1994 a 167 casi ogni milione di abitanti nel 2006. Sono questi i risultati principali del Rapporto Dialisi del Lazio di Laziosanità-Agenzia di
Sanità Pubblica della Regione Lazio, giunto ormai alla XIV edizione, presentato oggi dall’ASP in un convegno aperto dal presidente Lucio D’Ubaldo.

In aumento nell’arco del periodo 1994-2006 l’età media dei pazienti. E’ di circa 66 anni l’età media delle persone entrate in dialisi nel corso del 2006. Da sottolineare che dal
1994 al 2006 la percentuale di pazienti con età superiore ai 74 anni è passata dal 13,1% al 32,4% e si arriva quasi al 36% se si analizzano solo i nuovi ingressi nel corso del
2006. E’ inoltre da rilevare l’incremento costante delle persone autosufficienti, cioè in grado di svolgere qualsiasi attività, compatibilmente con l’età, che raggiunge
quasi il 40% del totale dei pazienti cronici.

Al 31 dicembre del 2006 risultano attivi nella Regione Lazio 91 centri dialisi: 52 pubblici e 39 a gestione privata. In crescita l’offerta di dialisi erogata da strutture pubbliche: negli
ultimi 12 anni, che è stata di circa il 57% del totale nel 2006, in lieve diminuzione rispetto all’anno 2005, che aveva fatto registrate un 58%. Elevata l’aspettativa di vita dei
dializzati: l’86% dei pazienti vive oltre un anno dopo l’inizio della dialisi cronica. A distanza di 12 anni dall’inizio del trattamento, a sopravvivere sono più del 33%. In generale
l’aspettativa mediana di vita dopo l’ingresso in dialisi è di circa 6 anni (70 mesi). I decessi registrati nel 2006 sono stati 548. Le principali cause sono da attribuire alle
complicanze cardiache, che hanno fatto registrare più di 7 decessi ogni 100 persone in dialisi (54% del totale), seguite da quelle vascolari (più del 13%) e dalla cachessia, circa
il 10%.

Laziosanità-ASP nel corso del 2007 ha firmato con l’Agenzia Regionale del Lazio per i Trapianti e le Patologie Connesse una ‘Convenzione per l’attivazione di un progetto finalizzato alla
realizzazione e alla gestione del Registro dei Trapianti Renali del Lazio’, che consentirà di stimare la prevalenza di persone con trapianto renale nella Regione Lazio e valutare i loro
bisogni di salute.

Leggi Anche
Scrivi un commento