Il tè verde diminuisce il colesterolo cattivo

Il tè verde diminuisce il colesterolo cattivo

Il tè verde riduce i livelli di colesterolo “cattivo” (LDL), riducendo così il rischio cardiovascolare.

Questo il messaggio di una ricerca dello Union Medical College di Beijing (Cina), diretta dal dottor Xiao-Hong Huang e pubblicata sul “American Journal of Clinical Nutrition”.

Gli esperti hanno condotto una revisione di 14 studi di settore. Durante tali test, (durati da 3 settimane a 3 mesi)i soggetti erano stati divisi in due gruppi: il primo aveva ricevuto dosi di
tè verde, o di un estratto analogo, il secondo (gruppo di controllo) un preparato inattivo.

La meta-analisi  ha mostrato come, in media, i consumatori di tè verde vedevano il colesterolo LDL calare di 7.2 punti in più rispetto ai valori del gruppo di controllo,
mentre il colesterolo “buono” era rimasto inalterato.

Allora, spiegano gli esperti, è probabile che la differenza sia dovuta alle catechine, antiossidanti del tè verde, in grado di raggiungere lo stomaco e ridurre la sua
capacità di assorbire colesterolo.

Nonostante il risultato del lavoro sia positivo, Huang e colleghi mettono in guardia dal tentare terapie fai-da-te a base di colesterolo.

Per cominciare, l’azione anti-colesterolo del tè è ridotta, non paragonabile a quella dei farmaci. Inoltre, rimediare a tale limite bevendo grandi quantità dell’infuso
può esporre il fegato a danni e malfunzionamenti.

FONTE: Xin-Xin Zheng, Yan-Lu Xu, Shao-Hua Li, Xu-Xia Liu, Rutai Hui, and Xiao-Hong Huang, “Green tea intake lowers fasting serum total and LDL cholesterol in adults: a meta-analysis of
14 randomized controlled trials” Am J Clin Nutr August 2011 ajcn.010926; First published online June 29, 2011. doi:10.3945/ajcn.110.010926

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento