Zacchera: “Trasferire alla pesca di acqua dolce i benefici della pesca in mare”

Zacchera: “Trasferire alla pesca di acqua dolce i benefici della pesca in mare”

“La situazione della pesca professionale sul Lago Maggiore e nel Ceresio? Direi che il settore è in pesante e forse inarrestabile crisi”. Questo il commento a caldo di Marco Zacchera, imprenditore e politico di lungo corso (è attualmente deputato alla Camera e sindaco di Verbania, e, tra le numerose cariche pubbliche che
ricopre anche in Europa, è anche presidente della commissione italo svizzera per la pesca e titolare di una delle licenze di pesca professionale sul Verbano).

Le ragioni secondo Zacchera, sono molte e molteplici: un mercato poco sviluppato e con la domanda in calo, la presenza contestuale di specie pregiate e non, “senza contare la presenza di altre
specie non autoctone che mette a rischio l’equilibrio generale dell’ecosistema lacustre”.

Di fatto “ogni anno alcune decine di persone rinnovano le licenze e patenti di pesca ma pochissimi lo fanno come effettivo primo lavoro. Di fronte alla riduzione del numero di pescatori ed
all’elevarsi della loro età media, si è cercato di permettere la posa di più reti per barca ma di fatto il problema non si è risolto. E non basta la presenza di
altre specie “nuove” come il lucioperca – che comincia ad essere apprezzato – per riequilibrare un bilancio sempre più deficitario per chi si occupa di pesca per mestiere”.

Auspicabile quindi, per Zacchera, “Trasferire alla pesca di acqua dolce i benefici della pesca in mare e in particolare mi riferisco alle agevolazioni all’acquisto del carburante e i contributi
per il rinnovo delle barche e delle reti”.

“Ci sentiamo particolarmente vicini e solidali al grido di dolore del Verbano e del Ceresio, espresso per voce di Zacchera – spiega Ivano Polledrotti,
assessore della Provincia di Como con delega alla pesca -poiché le attività del progetto Interreg di valorizzazione dei pesci dell’area insubrica, del quale la nostra provincia
è capofila e che coinvolge anche il VCO e il Canton Ticino, riguarda proprio lo sviluppo dell’economia ittica mediante accurata analisi delle caratteristiche organolettiche della fauna
ittica, delle modalità di lavorazione delle stesse e dei possibili mercati di sbocco, con particolare riguardo verso le specie cosiddette “.

Per Polledrotti “questi punti chiave del progetto costituiranno nel breve e medio periodo gli strumenti del riscatto dell’intero settore. Nel frattempo però abbiamo già raggiunto
un importante risultato, avviando contatti con il mercato ittico di Milano che si è reso disponibile a vendere i nostri pesci di lago, comprese le specie non autoctone come il siluro,
molto gradito nei paesi dell’Est e quindi acquistato da consumatori provenienti da quell’area geografica”.

“Sono convinto – conclude l’assessore – che in questo momento di crisi e di carenza di risorse pubbliche le attività del nostro progetto daranno delle reali opportunità di
sviluppo per tutto il comparto. Per questo motivo invito sin da ora gli imprenditori di settore a seguirci e a fare tesoro dei dati e delle informazioni che via via verranno comunicate e messe
a disposizione di tutti”.

www.gustavopescedilago.it

Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento