Vino rosso analcolico, nemico dell’ipertensione

Vino rosso analcolico, nemico dell’ipertensione

Il vino rosso analcolico contro l’ipertensione. Se consumato con regolarità, aiuta a contenere la pressione sanguigna.

Il fenomeno è descritto da una ricerca dell’Ospedale di Barcellona (Spagna), diretta dal dottor Ramon Estruch, pubblicata su “Circulation Research”.

Gli scienziati hanno preso in esame 67 uomini, malati di diabete o con altri fattori di rischio cardiovascolare, divisi in tre gruppi. Per quattro settimane, ogni gruppo ha ricevuto la stessa
quantità (un bicchiere e mezzo), ma di una bevanda diversa. Il primo gruppo ha consumato vino rosso, vino rosso analcolico o gin.

I controlli hanno evidenziato come ogni bevanda avesse effetti diversi. Così, i consumatori di gin non avevano effetti positivi, quelli di vino rosso ottenevano un lieve abbassamento
della pressione sanguigna. Effetti più notevoli per i consumatori di vino analcolico: questo aveva abbassato di 6 mmHg (millimetri di mercurio) la pressione sistolica e di 2 mmHg la
diastolica: di conseguenza, i volontari avevano minor pericolo di ictus (-20%) e di malattie cardiache (-14%).

Secondo i ricercatori, il merito del vino analcolico sta nei polifenoli, capaci di rilassare vasi sanguigni, aumentano l’afflusso di sangue agli organi e riducendo la pressione. Tale bevanda
è inoltre priva del alcol del vino normale, capace di attenuare gli effetti degli antiossidanti in questione.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento