Un enzima degli animali per riparare i danni del sole al DNA

Un enzima degli animali per riparare i danni del sole al DNA

Un enzima, posseduto dagli animali ma non dall’uomo, per creare nuovi e più efficaci rimedi contro i danni del sole al DNA.

E’ quanto propone una ricerca della Ohio State University (USA), diretta dal professor Dongping Zhong e pubblicata da “Nature”.

L’enzima in questione è la fotoliasi, osservato durante un eccesso di sole simulato. L’equipe di Zhong ha infatti lavorato su una porzione di DNA, simulando il danno e lasciando campo
libero alla fotoliasi.
Allora, l’enzima si è attivato, iniettando nel DNA 1 elettrone ed 1 protone che danno il via ad un processo, concluso con la riparazione del danno in pochi miliardesimi di secondo.

Il tutto documentato tramite una serie di “istantanee”, capaci di rivelare l’intero sistema.

Commenta il professore: “Può sembrare semplice, ma queste due particelle atomiche effettivamente hanno avviato una serie molto complessa di reazioni chimiche. Tutto è successo
molto velocemente ed il timing dev’essere perfetto”.

I raggi Uv provocano delle modifiche del DNA, rompendo legami che poi si riformano in maniera sbagliata a volte favorendo i tumori della pelle.

A questo punto, ogni organismo si attiva.
Il corpo umano possiede alcune particelle, che agiscono da restauratori, ma non sono molto efficaci. Piante ed animali, invece, hanno la fotoliasi, in grado di riparare anche lesioni gravi.

Allora, obiettivo del professore e del suo team è sfruttare tale elemento per creare prodotti contro gli eccessi di sole, in primis le scottature. Infatti, conclude Zhong, le creme e le
lozioni attuali si limitano a schermare dal sole; i composti del futuro, a base di fotolitasi, potranno ripararne i danni.

Fonte: Jiang Li, Zheyun Liu, Chuang Tan, Xunmin Guo, Lijuan Wang, Aziz Sancar, Dongping Zhong, “Dynamics and mechanism of repair of ultraviolet-induced (6-4) photoproduct by photolyase”,
Nature (25 July 2010) doi:10.1038/nature09192 Letter

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento