Tè verde e gli altri: le erbe per proteggersi dal sole

Tè verde e gli altri: le erbe per proteggersi dal sole

L’estate è la stagione del sole e dell’abbronzatura. Per quanto ciò possa essere piacevole (e salutare), non mancano possibili inconvenienti: i raggi UV possono attaccare la
pelle, provocando scottature ed altro.

Un aiuto può allora arrivare dalle erbe. A dirlo, una ricerca dell’Università Kenmore e dal Botanical Medicine Academy, diretta dal professor Eric Yarnell e dalla dottoressa Kathy
Abascal e pubblicata su “Alternative and Complementary Therapies“.

Gli scienziati hanno esaminato un gruppo di prodotti vegetali: Felce zampa di lepre, o Felce serpente dorato, (Phlebodium aureum), il ginseng asiatico (Panax ginseng), il
tè verde (Camellia sinensis). Ma anche la Propoli o, per esempio, il Pino marittimo (Pinus maritima) e la Vite (Vitis vinifera).

In base ai test, tali piante contengono sostanze che difendono la pelle, prevenendo i danni da raggi solari. Tra i problemi contenuti, rischio di cancro alla pelle, lesioni al DNA e sistema
immunitario ed invecchiamento cutaneo. Inoltre, le sostanze positive potevano essere assunte per via orale, sopratutto con il tè verde.

Secondo Yarnell ed Abscal, non è possibile dare certezze e sono necessari ulteriori esami. Tuttavia, è credibile sostenere i benefici delle sostanze ed assumerle per difendersi
dal sole

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento