Se il pesce è poco il cervello invecchia tanto

Se il pesce è poco il cervello invecchia tanto

Gli scarsi livelli di omega-3 accelerano l’invecchiamento del cervello, diminuendone salute ed efficienza.

Questa di una ricerca dell’University of California (Los Angeles), diretta dal dottor Zaldy Tan e pubblicata su “Neurology”.

La squadra della California ha preso in esame 157 volontari: età media 67 anni e nessun segno di demenza.  Prima, i volontari sono stati sottoposti a risonanza magnetica del
cervello e test per quantificare la capacità mentale. Infine, si è misurata la massa corporea e le dosi di omega-3 nel sangue.

Si è così notato come livelli inferiori di acidi grassi corrispondevano a massa celebrale inferiore. La soglia limite era il 25%: se il Dha ( acido docosaesaenoico, uno dei
principali omega-3) era inferiore, la massa celebrale era significativamente più piccola ed i punteggi nei test (memoria visiva, multi-tasking, risoluzione dei problemi) erano nettamente
peggiori.

Insomma, per gli esperti livelli insufficienti di Omega-3 portano un’età celebrale superiore a quella anagrafica: per citare Tan, “Le persone con livelli più bassi di omega-3,
inclusi l’acido docosaesaenoico (Dha) e l’acido eicosapentaenoico (Epa), nel sangue hanno un volume cerebrale inferiore equivalente a circa due anni di invecchiamento della struttura
cerebrale”.

Gli esperti ricordano come il pesce (in particolare il pesce azzurro) sia una delle fonti più importanti di omega-3.

FONTE: Red blood cell omega-3 fatty acid levels and markers of accelerated brain aging Neurology February 28, 2012 78:658-664

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento