Sanità Terni, Cavicchioli: «dal convegno elementi positivi»

Terni“Il convegno della scorsa settimana ha registrato significative presenze e interessanti contributi, consentendo di fare il punto della situazione in ordine ad una serie di
situazioni pendenti e agli impegni da assumere in vista del prossimo piano sanitario regionale”.

Lo ha detto stamattina il Presidente della Provincia, Andrea Cavicchioli, commentando positivamente i risultati del convegno sulle emergenze sanitarie del nostro territorio organizzato
dal Consiglio provinciale, coordinato dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Ricci, e dal Consigliere provinciale, Paolo Maggiolini, e che ha visto la partecipazione, tra gli
altri, dell’Assessore regionale alla Sanità, Maurizio Rosi, del Presidente della Provincia, del Sindaco di Terni, Paolo Raffaelli, dei Direttori generali dell’Asl, Imolo
Fiaschini,
e dell’azienda ospedaliera, Gianni Giovannini, e del Sen. Leopoldo Di Girolamo, Presidente della Commissione parlamentare sulla Sanità.

“Per quanto riguarda l’azienda ospedaliera – osserva Cavicchioli – tenendo anche conto di alcuni dati positivi sulla qualità dell’utenza e sulla mobilità attiva e
passiva, è stata registrata la disponibilità dell’Assessore regionale a reperire le risorse per gli investimenti strutturali richiesti dalla direzione e dalle istituzioni e al
potenziamento quali-quantitativo del fattore umano nelle sue varie componenti, elemento, quest’ultimo, determinante per continuare nel percorso positivo intrapreso. In questo contesto

prosegue il Presidente – appare imprescindibile l’integrazione concreta tra l’azienda ospedaliera e l’Asl in una serie di settori, al fine di ottimizzare le prestazioni andando ad incidere
su tutte le dinamiche che le riguardano. Particolarmente attesa è anche la risposta nel settore della prevenzione e dei controlli nei luoghi di lavoro per il quale sono già stati
annunciati provvedimenti di potenziamento dell’organico dell’Asl che vanno ulteriormente supportati”.

Per quanto concerne l’ospedale unico Narni-Amelia, anche a seguito del confronto sviluppato nel corso del convegno, è stato confermato da parte di tutti i soggetti interessati
l’obiettivo, considerato strategico per le politiche sanitarie della Provincia e della Regione, tenendo conto delle connotazioni del progetto complessivo. “Non appena sarà consegnato
il progetto preliminare
– fa sapere Cavicchioli – Comune di Narni e Provincia eseguiranno tutti gli adempimenti relativi alla parte urbanistica e della viabilità per consentire di
rispettare i tempi in considerazione della progettazione definitiva e del successivo appalto integrato. Per la provvista finanziaria è stato ribadito quanto indicato negli atti
sottoscritti che prevedono l’accensione di un mutuo ed il recupero di ulteriori risorse con la vendita di beni di proprietà dell’Asl, così come è avvenuto per identiche
situazioni in altre realtà dell’Umbria. Appaiono quindi fuori luogo polemiche o perplessità
– conclude il Presidente – poiché si sta procedendo secondo le
modalità concordate e i tempi previsti, tenendo inoltre presente che in questo periodo verranno in ogni caso assicurati i necessari supporti ai due attuali ospedali di Narni e
Amelia”.

Leggi Anche
Scrivi un commento