Salone del Gusto, il senso di Caserta per l’accoglienza

Salone del Gusto, il senso di Caserta per l’accoglienza

La provincia di Caserta al Salone del Gusto. Il territorio si offre con il “Grande senso dell’accoglienza”, presentazione-azione della sua terra, con i frutti dei campi e delle stalle assieme
alle creazioni dell’uomo.

Per Domenico Zinzi, presidente della Provincia di Caserta, il lavoro svolto è “Un percorso culturale che ci porta a rivivere le eccellenze agroalimentari della nostra provincia, a
riscoprire sapori e profumi stimolando tutti i nostri sensi, ad apprezzare i nostri prodotti con lo scopo di divulgare la varietà di cibo e di culture della nostra terra”.

Da non trascurare poi le opportunità di crescita economica: “Con i momenti di confronto culturale e sociale, si consente di avviare rapporti e contatti per il raggiungimento degli
obiettivi della promozione, divulgazione e valorizzazione dei nostri prodotti di eccellenza”.

Allora, il lavoro della provincia di Caserta è centrato su “Della Terra”: video di 8 minuti, prodotto di Franz Cerami, con
la musica di Paolo Pagnani e Ben Kopec. Argomento, Terra di lavoro, l’esame della provincia, con tanto di sottotitoli.

Il video è presente su Youtube, tradotto in 11 lingue e pronto a conquistare i maggiori canali di comunicazione del WEB.

Al suo fianco, “Le piazze di Terra di lavoro tra gli scenari del passato e i sapori del presente”. Scritto da Salvatore Costanzo e Antonella D’Avanzo, il testo descrive la provincia di Caserta:
21 Comuni, ognuno con i suoi prodotti enogastronomici, la sua terra, i suoi personaggi celebri.

Soddisfatto Zinzi: “Abbiamo intrapreso un percorso culturale cominciato con la collaborazione di Slow Food Campania, che mira a coniugare storia, urbanistica, prodotti tipici e tradizioni, a
riscoprire antichi sapori, ad apprezzare vecchie ricette. Vogliamo promuovere la varietà di cibo e di culture della nostra terra e far scoprire il grande senso di accoglienza che
significa per noi il cibo”.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento