RC auto, Adoc: negli ultimi 4 anni aumenti tra il 15 e il 18%

RC auto, Adoc: negli ultimi 4 anni aumenti tra il 15 e il 18%

Roma – Secondo Ania negli ultimi quattro anni il costo delle polizze Rc Auto è diminuito dell’8,3%, nel 2008 del 3,6%. L’Adoc contesta questi
dati, c’è stato al contrario un aumento stimabile tra il 15 e il 18%.

“A parità di polizza Rc Auto non c’è stata una diminuzione del costo, bensì un aumento, stimabile intorno al 15-18% – dichiara Carlo Pileri, Presidente dell’Adoc – le
tariffe sono più alte della media europea, anche se è vero che i consumatori si stanno sempre più abituando a seguire e a vagliare le offerte, molteplici, presenti nel
settore. E’ in crescita, in tal senso, la stipula delle polizze online, più convenienti di quelle tradizionali anche del 20%, ma che presentano un grande ostacolo per i clienti
ultracinquantenni, che soffrono l’assenza di un riscontro umano. Si Sta formando una sorta di discriminazione tra i clienti, ad essere svantaggiati sono soprattutto i pensionati e i più
anziani. Anche l’opzione furto e incendio presenta una problematica, soprattutto quando abbinata all’acquisto di un box satellitare. Se è vero che vi sono sconti del 30% sul costo della
polizza, è vero anche che il costo dell’apparecchio è a carico del cliente e non viene registrato sulla polizza che, al netto, presenta uno sconto tra l’8 e il 10%.”

L’Adoc esprime preoccupazione per il taglio dell’agente plurimandatario.

“Il plurimandato favorisce lo sviluppo della concorrenza, a diretto vantaggio dei consumatori – continua Pileri – la volontà di eliminarlo ci preoccupa. Bene invece il preventivatore,
uno strumento in grado di aumentare il livello di concorrenza e trasparenza del mercato e di tutelare i consumatori. Purtroppo il suo utilizzo è limitato ai pochi clienti che possono
sfruttare la tecnologia online.”

Leggi Anche
Scrivi un commento