Immigrazione, introdotto il reato di clandestinità

Immigrazione, introdotto il reato di clandestinità

Roma – Il ddl sicurezza, che introduce il reato di clandestinità per gli immigrati irregolari, è diventato oggi legge. Per Adoc occorre
subito una sanatoria per le badanti irregolari già attive da anni in Italia, oltre 1 milione.

“Il reato di clandestinità dovrebbe colpire solo chi verrà in Italia in futuro, non chi sta già lavorando nelle nostre famiglie con spirito di sacrificio da tanti anni –
dichiara Carlo Pileri, Presidente dell’Adoc – ad oggi risulta che oltre un milione di famiglie hanno a servizio colf irregolari. Il loro lavoro è una risorsa importante non solo per
l’assistenza che danno a malati, anziani e bambini ma anche per lo Stato che, grazie al loro impegno, riesce a risparmiare annualmente circa 45 miliardi di euro. Soldi che graverebbero sul
bilancio del servizio sanitario qualora tutte le persone assistite dovessero ricorrere esclusivamente alle strutture ospedaliere. Se venisse sanata la posizione delle badanti irregolari
attualmente operative, inoltre, lo Stato potrebbe incassare oltre 800 milioni di euro dal pagamento di tasse e contributi. I decreti flussi degli ultimi tre anni non hanno voluto risolvere un
problema noto a tutti, ora non si possono mandare al massacro persone e famiglie che non hanno potuto mettersi in regola per gravi carenze da parte dello Stato”.

Leggi Anche
Scrivi un commento