Prodotti alimentari: criteri per la data di scadenza

Prodotti alimentari: criteri per la data di scadenza

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha approntato un interessante documento (scarica il documento), nel quale vengono dettagliatamente descritte le numerose iniziative intraprese per far crescere “la tutela dei diritti del cittadino consumatore”.

Tra gli argomenti esaminati:

– Liberalizzazione produzione pane – Dati provvisori apertura nuove imprese di panificazione
– Sistema informativo prezzi agro-alimentari – Decreto 22/12/06 prezzi agro-alimentari – Direttive attuazione art. 9 DL 223/2006

Come forse i nostri lettori ricorderanno, ci siamo già occupati delle liberalizzazioni (Le nuove tutele ovvero, i decreti al quadrato): abbiamo quindi voluto verificare se nel frattempo qualcosa fosse già cambiato in merito all’argomento “date di scadenza”.

Purtroppo no. Se ne occupa la pagina 83, riprendendo esattamente le parole del Comunicato stampa di fine gennaio.

Ma cosa si dice, nel web, su questa iniziativa? Vediamo qualche commento (i corsivi sono nostri):

“Con il decreto legge sulle liberalizzazioni, varato dal Consiglio dei Ministri nei giorni scorsi, le industrie alimentari avranno 180 giorni di tempo per modificare le confezioni dei prodotti al fine di rendere ben visibile la data di scadenza sui prodotti confezionati.” (Modificare le confezioni??)

“In cima alle preoccupazioni degli italiani, stando al sondaggio, la sicurezza alimentare: e infatti l’obbligo di mettere bene in evidenza la data di scadenza dei cibi ottiene un gradimento generale e trasversale”

“Il risparmio maggiore … avverrà grazie alle norme che stabiliranno nuovi e più visibili criteri per la data di scadenza dei prodotti alimentari. Secondo nostre stime infatti, ogni famiglia ridurrà del 20% (100 euro) gli sprechi alimentari annui, calcolati recentemente in oltre 500 euro l’anno.” (Questa proprio non l’abbiamo capita)

Non ci resta che attendere lo scadere del 180° giorno, anche se non è escluso che qualcosa capiti molto prima: vi terremo al corrente.

Dott. Alfredo Clerici
Tecnologo Alimentare

Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento