I 5 colori…, sensibilizzazione al consumo di frutta e verdura

Tra gli spot televisivi di questi giorni, ha attirato la nostra attenzione quello relativo alla campagna (promossa da UNAPROA, Unione Nazionale tra le Organizzazioni di Produttori Ortofrutticoli, Agrumari e di frutta in guscio) di sensibilizzazione al consumo di frutta e verdura secondo una sorta di ‘codice colore’ (ad ogni colore sono legate alcune specie di frutta e verdura con particolari caratteristiche nutitive).

Qualunque iniziativa che abbia l’obbiettivo di migliorare la qualità della dieta non può che trovarci d’accordo. Tuttavia ci sono alcuni aspetti che ci lasciano un poco perplessi.

Ad esempio:

– risulta che più del 50% degli intervistati consuma 3 o 4 porzioni e addirittura il 24 % ne consuma 5 o più: ma a quanto corrisponde una porzione? e da quali prodotti è costituita? e come vengono consumate (crude, cotte, condite, …)?

– la ripartizione dei risultati in funzione dell’età degli intervistati prevede, come categoria più giovane, quella degli inferiori a 34 anni: sarebbe interessante sapere quanto pesano, all’interno di questo gruppo, i consumatori in età scolare (6 – 14 anni, ad esempio) che, come è noto, sono quelli più esposti ai rischi della cattiva alimentazione.

Un po’ meno entusiasmo e un po’ più di precisione ci avrebbero convinti di più.

Scarica l’indagine sull’efficacia della campagna

a cura di Alfredo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento