Porti di Siniscola, Dorgali e Orosei

Cagliari, 15 Ottobre 2007 – «I finanziamenti dei Pia già assegnati ai Comuni di Dorgali, Orosei e Siniscola per gli interventi sui rispettivi porti, si trovano oggi
nell’identica fase del procedimento. Nessuna corsia preferenziale è stata riservata al porto di Dorgali» lo sottolinea l’assessore regionale dei Lavori pubblici, Carlo Mannoni, in
seguito ai servizi giornalistici pubblicati oggi da alcuni quotidiani sardi.

«Le Amministrazioni comunali di Orosei e Siniscola – spiega Mannoni – hanno, su iniziativa della Giunta regionale, opportunamente rimodulato gli interventi a maggior beneficio dei
rispettivi territori, mentre il Comune di Dorgali ha richiesto l’adeguamento del finanziamento per assicurare il concorso del capitale privato all’iniziativa, che invece era mancato nella gara
d’appalto a suo tempo esperita. Sulle proposte dei Comuni ha già espresso il parere di competenza l’Assessorato regionale dei Lavori pubblici per il successivo aggiornamento dei tre PIA
da parte dell’Assessorato regionale della Programmazione e la conseguente deliberazione della Giunta regionale. Tutti e tre, quindi, sulla stessa linea».

L’assessore Mannoni dichiara di essere rimasto «assai sorpreso dalle dichiarazioni del sindaco di Siniscola, Lorenzo Pau, riportate oggi sui giornali locali, in merito alla presunta
corsia preferenziale che il Presidente della Regione, Renato Soru, avrebbe assicurato al finanziamento del porto di Dorgali. Dichiarazioni non poco sospette perché appena due giorni fa
(giovedì 11 ottobre) lo stesso Pau era stato messo a conoscenza dall’Ufficio di gabinetto del nostro Assessorato sull’iter della pratica di finanziamento e sulla conferma in corso dei
fondi a favore del suo Comune».

«Dichiarazioni – aggiunge Mannoni – prive di alcun fondamento, quindi, come è infondata la notizia che io sarei stato sollecitato telefonicamente dal Presidente Soru, durante la
sua recente visita a Dorgali, a finanziare l’Acquario di quel Comune, posto che quel finanziamento non è di competenza dell’Assessorato regionale dei Lavori pubblici. Peraltro, il
completamento di quell’opera, una vera e propria incompiuta, era stato da tempo sollecitato dagli amministratori comunali di Dorgali».

Leggi Anche
Scrivi un commento