Pesca, allarme dall’Adriatico: “Il pesce non si riproduce più”

Pesca, allarme dall’Adriatico: “Il pesce non si riproduce più”

Il verdetto è negativo: “Nonostante ci siano meno barche, il pesce non si riproduce più”. A dirlo, i pescatori dell’Adriatico: il fermo pesca non si è rivelato utile, i
controlli che parlano di una scarsità di prodotto desolante.

Secondo gli addetti ai lavori, tutto sarebbe causato dall’inquinamento, che distrugge l’ecosistema privando i pesci del nutrimento, uccidendo gli esemplari più deboli e le specie
più delicate. Perciò, nonostante la ripresa dell’attività sia prossima, 2 settembre, i pescatori sono pessimisti riguardo alle possibilità.

Il loro parere viene affiancato dall’opinione simile del Centro delle ricerche marine. Secondo i suoi ricercatori, la scarsità di pesce, seppur più notevole nei mari italiani,
riguarda gli specchi d’acqua di tutto il mondo. Le cause, principalmente l’eccessivo sfruttamento del passato che nel Mediterraneo si lega al problema degli scarichi industriali, come l’azoto
ed il fosforo provenienti delle industrie del bacino del Po.


Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento