Olio EVO, Olio extra vergine di oliva: uno scrigno di proprietà benefiche per la nostra salute

Olio EVO, Olio extra vergine di oliva: uno scrigno di proprietà benefiche per la nostra salute

              Vedi altri articoli: Buon Cibo = Buona Salute – clicca qui

Buon cibo = Buona salute
Rubrica a cura di Bioimis

 

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA

Condimento tipico della tradizione italiana e mediterranea, l’olio extravergine di oliva è presente ogni giorno sulle nostre tavole.
Ricco di grassi monoinsaturi e molecole antiossidanti, è un ingrediente dalle molte proprietà benefiche.

Proprio grazie alla sua composizione di acidi grassi, viene considerato uno dei condimenti più indicati per chi soffre di colesterolo alto. L’olio extravergine d’oliva, infatti, riduce il colesterolo “cattivo” LDL e aumenta quello “buono” HDL.

Inoltre, l’olio extravergine d’oliva è ricco di fenoli e vitamina E, sostanze che forniscono all’organismo una protezione contro l’infiammazione e contro l’invecchiamento cellulare.

Grazie alla presenza dell’acido oleico, questo olio è molto digeribile in quanto stimola la contrazione della cistifellea, favorendo la liberazione degli acidi biliari e, di conseguenza, la digestione.

Nell’olio d’oliva è nascosto il segreto del senso di sazietà! In esso, infatti, sono contenute delle molecole aromatiche che rallentano l’assorbimento dello zucchero e dunque ritardano l’abbassamento della glicemia.

Come scegliere un olio di qualità?

Il periodo di raccolta, che deve coincidere con il cambio di colore delle olive (da verde a marrone).

  • Grado di acidità. L’olio evo di frantoio ha un minor grado di acidità rispetto agli altri oli d’oliva*; la sua acidità non deve mai superare lo 0,8%.
    *ATTENZIONE: secondo norme commerciali del COI (Consiglio oleicolo internazionale) da cui discendono quelle dell’Unione europea. Si scopre però che gli oli raffinati di oliva (olio di oliva e olio di sansa di oliva) possono avere acidità inferiori dovute alla rettificazione chimica.
  • Spremitura. Dovrebbe essere a freddo, a temperatura non superiore ai 27° C. L’olio lavorato in questa maniera non subisce processi di ossidazione ed esprime al meglio le sue caratteristiche chimiche ed organolettiche. (n.d.r. La legge però non impone alcun limite di temperatura: ” il regolamento comunitario 29/2012, cita le diciture “estratto a freddo” e “prima spremitura a freddo” tra quelle facoltative).
  • Conservazione. Conservate sempre l’olio extravergine d’oliva lontano da fonti di luce e di calore, preferibilmente in bottiglie di vetro scure, per evitare il deterioramento.

Se volete preservare al meglio le caratteristiche e le proprietà nutritive dell’olio extravergine d’oliva usatelo a crudo, come condimento per i vostri piatti.

Potete utilizzarlo anche per le fritture, in quanto, anche a temperature alte, non si decompone e non dà origine a sostanze dannose per l’organismo.
L’olio extravergine d’oliva è considerato uno dei migliori oli da utilizzare per friggere.

Per condire e insaporire le pietanze, è preferibile usare sempre l’olio extravergine d’oliva! Le sue proprietà lo rendono un ingrediente estremamente prezioso, di alto valore benefico.

 

Articolo a cura di Bioimis

in esclusiva per Newsfood.com
Riproduzione riservata

==========================================

BioimisQuesta rubrica –Buon cibo = Buona salute–  di proprietà di Newsfood.com è curata in esclusiva da esperti nutrizionisti BIOIMIS, e ha l’intento di dare le nozioni necessarie per far conoscere le qualità intrinseche dei cibi e i loro effetti. Propone anche ricette salutari e consigli, affinchè ognuno di noi, in modo consapevole, possa decidere della sua vita e di quella dei suoi cari.
Dipendentemente dai tempi e dallo spazio, la redazione di Newsfood.com, in collaborazione con gli esperti nutrizionisti, cercherà di dare risposte ai quesiti di chi vorrà approfondire gli argomenti trattati.
Per contatti e info Clicca qui

*Bioimis = origini della Vita
Redazione Newsfood.com

 

 

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE DI NEWSFOOD 

 

 

 

 

Leggi Anche
Scrivi un commento