Olio di pesce, antidolorifico naturale

Olio di pesce, antidolorifico naturale

Olio di pesce come antidolorifico, sano e meno causa di dipendenza degli oppioidi tradizionali.

Questa la proposta presa in esame da una ricerca della Duke University, diretta dal professor Ru-Rong Ji e pubblicata su Annals of Neurology.

Ji e compagni sono partiti da un fatto accettato dalla comunità medica: i prodotto impiegati, oppioidi ed antidolorifici, danno effetti collaterali, sopratutto dipendenza.

Allora, in cerca di una nuova via, gli esperti hanno preso in esame l’olio di pesce, sopratutto un suo derivato, l’acido docosaesaenoico, ritenuto capace di ridurre, se non prevenire, il dolore
neuropatico causato da lesioni del sistema sensoriale.

In cerca di conferme, i ricercatori hanno lavorato con topi da laboratorio: prima gli animali hanno subito dolore, poi gli è stato somministrato il composto neuroprotectina D1=protectina
D1 (NPD1=PD1).

Tramite la successive osservazione, gli esperti hanno rilevato come la neuropectina prima calmava il dolore, poi diminuiva il gonfiore del nervo. Questo perché, spiega Ji, il composto
inibisce la produzione delle citochine e delle chemochine, piccole molecole di segnalazione che attirano macrofagi infiammatori alle cellule nervose.

Infine, ulteriore vantaggio e motivo della ricerca, NPD1=PD1 è efficace a dosi basse e non provoca dipendenza. Perciò, prossimo passo del lavoro saranno i test su volontari umani.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento