OGM, Capanna: «valutare rapporto costi-benefici»

Roma – «La decisione di Nicolas Sarkozy di sospendere le colture Ogm dimostra che su questo argomento non esistono dogmi immodificabili» Mario Capanna, Presidente della
Fondazione Diritti Genetici, torna a parlare della «svolta» ambientalista del Presidente della Repubblica francese, che ieri ha annunciato lo stop alle colture commerciali biotech
in Francia.

«I dubbi espressi da Sarkozy circa i benefici per la salute e l’ambiente degli Ogm e la sua scelta di seguire il principio di precauzione – ha dichiarato Capanna – dimostrano ancora una
volta la necessità di approfondire la ricerca sugli organismi transgenici e di valutare in modo approfondito il rapporto costi-benefici.»

«Adesso – ha poi ricordato il presidente della Fondazione Diritti Genetici – con il rilevante successo della consultazione nazionale in corso, il governo italiano deve assumere una
posizione analoga a quella francese, decidendo una moratoria a tempo indeterminato. Il fatto che in Italia gli Ogm non siano coltivabili, è una ragione in più per ripulire anche
le filiere mangimistiche contenenti ogm da importazione».

Leggi Anche
Scrivi un commento