Monini sbarca in Francia come “Huiliers Créateurs”

Monini sbarca in Francia come “Huiliers Créateurs”

Nel 2009 nonostante le difficoltà del mercato e le enormi pressioni promozionali della Grande Distribuzione, Monini ha incrementato la quota di mercato sia a volume (10,1%, 0,3 rispetto al
2008) che a valore (10,9%, 0,5 rispetto al 2008) (fonte IRI Infoscan dic. 09), superando a valore una marca storica come Bertolli e collocandosi al secondo posto del mercato italiano dell’Extra
Vergine di oliva ad un solo punto percentuale dalla marca Carapelli.

La quota a valore è cresciuta in modo più che proporzionale a quella a volume, questa è un’ulteriore e significativa prova che la qualità dei prodotti e marchio Monini
sono riconosciuti sia dal trade che dal consumatore.
Inoltre il Classico Monini si è riconfermato la referenza leader del mercato con un quota a valore del 7,8%.

Forte di questi risultati l’olio Extra Vergine Monini sbarca nel mercato francese.
Da poche settimane (l’accordo è stato siglato il 5 febbraio a Parigi ma è operativo dai primi di marzo) l’azienda umbra ha siglato un accordo di distribuzione con Lesieur, leader
indiscusso dell’olio in Francia, per entrare nel mercato transalpino con importanti investimenti. 

In Francia Leiseur rappresenta il 40% del mercato, Monini grazie all’azienda francese conta di coprire in 2 anni l’80% del territorio nazionale francese entrando con le referenze Gran Fruttato e
Classico con olio d’oliva Extra Vergine italiano al 100% e con un posizionamento da “Huiliers Créateurs”.

“Entreremo nel mercato Francese dell’olio Extra Vergine d’oliva – spiega Zefferino Monini, presidente dell’omonima azienda –  con due referenze, il Classico e il GranFruttato, prodotte al
100% con olio Extra Vergine d’oliva italiano per portare oltre ai nostri prodotti anche la cultura dell’Extra Vergine. L’obiettivo di mercato è quello di raggiungere entro i prossimi 2
anni l’80% di distribuzione ponderata nel mercato francese.”

IL MERCATO DELL’OLIO IN FRANCIA

• Totale mercato oli alimentari: 228,6 milioni di litri (- 0,1% rispetto al 2008), 680,4 milioni di euro (-0,4% rispetto al 2008).

• Mercato dell’olio di oliva: 51,5 milioni di litri (1,3%), 300,6 milioni di euro (-2,1%).

• L’arretramento in valore del mercato 2009 si spiega essenzialmente dalla caduta dei prezzi della materia prima e la sua ripercussione sul prezzo di vendita al pubblico

• Peso dell’olio di oliva sul mercato totale degli oli alimentari: 22,5% in volume, 44,2% in valore.

• 69,3% : penetrazione dell’olio di oliva in Francia, davanti all’olio di girasole (56,1%).

• 3.4 litri: livello medio di acquisto all’anno per unità familiare contro i 6.1 litri dell’olio di girasole

• 35.8%: quota di Lesieur sul totale mercato olio di oliva nel canale retail. E’ il 1° attore del mercato prima delle private label (35%); Gruppo SOS arriva ad una quota del
9%. 

• Puget conferma  la sua posizione di prima marca nazionale di olio di oliva con la quota del 28,9% del mercato in valore (1,1% versus 2008). 

• A valore, l’olio di oliva Lesieur punta alla terza posizione con il 6,6%, dietro a Carapelli (8,5%); L’olio di oliva Lesieur occupa la 2a posizione del mercato a volume

• Peso attuale dell’insieme delle marche italiane sul mercato francese dell’olio di oliva: 9,8% a valore, 7,8% in volume.

Fonte: PANEL NIELSEN, TOTAL FRANCE, HM SM, CAM A P11/2009.

Leggi Anche
Scrivi un commento