Malattie croniche, combattile con frutta e verdura

Malattie croniche, combattile con frutta e verdura

Malattie croniche: problemi come diabete,asma, artrite ed epatite. Ma anche tumori, malattie coronariche, anemia ed ipercolesterolemia. Senza dimenticare fratture,  ipertensione ed ictus.

Tutti questi disturbi possono essere combattuti con una dieta verde, che offra buone dosi di frutta e verdura e cereali integrali.

E’ la conclusione raggiunta da una ricerca dell’Università di Adelaide, (Australia), diretta dal dottor Zumin Shi e pubblicata su “Clinical Nutrition”.

In cerca di un possibile legame tra malattie croniche e dieta, il team di Shi ha preso in esame 1000 volontari. Tali soggetti sono stati monitorati per 5 anni, durante quali è stato valutato l’impatto di diversi fattori: in primis l’alimentazione, ma anche sedentarietà ed esercizio fisico, fumo ed alcolismo. Tali dati sono poi stati messi a confronto con la comparsa e la gravità di 11 malattie.

Il controllo finale dei dati ha mostrato il ruolo positivo di una serie di varietà di frutta e verdura. Particolarmente utili i cereali integrali: mais, sorgo, segale, orzo, miglio e frumento, sono ricchi di fibre e particolarmente efficaci contro il rischio di malattie cardiovascolari, diabete e cancro del colon-retto.

Secondo il capo-ricercatore, è emerso come bastasse una dose limitata (57 grammi al giorno) di frutta e verdura per ridurre il rischio di sviluppare le malattie in questione.

Se allora frutta e verdura riducevano il rischio di malattie croniche, una cattiva alimentazione (troppi zuccheri, troppi grassi saturi, poca frutta e verdura) aumentava la loro frequenza, secondo il fenomeno detto multimorbilità, o multimorbidity.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento