L’insonnia aumenta il rischio di morte prematura

L’insonnia aumenta il rischio di morte prematura

Chi dorme meno, muore di più, poiché l’insonnia aumenta il rischio di morte prematura.

Questo il messaggio lanciato da una ricerca dell’Università del Wisconsin-Madison (UWM), diretta dal dottor Finn Laurel e presentata a “SLEEP 2010”, il meeting annuale dell’Associated
Professional Sleep Societies tenutosi a San Antonio, in Texas.

Il team del dottor Laurel ha compiuto un’indagine revisionale su 2.242 soggetti, tutti inseriti nel Wisconsin Sleep Cohort Study e sottoposti a sondaggi regolari, negli anni 1989, 1994 e 2000.

Il loro lavoro ha mostrato come, durante i 12 anni di osservazione, 128 partecipanti erano deceduti. Per valutarne la causa, i ricercatori hanno “depurato” i dati da caratteristiche come
età, sesso, indice di massa corporea (o BMI); eventuali patologie come diabete, ipertensione, depressione, bronchite cronica ed episodi quali infarti o ictus.

Allora, spiega Laurel: “Il risultato più sorprendente è stato l’elevato maggior rischio di mortalità tra gli individui con insonnia cronica rispetto a quelli senza
insonnia. Un’altra importante scoperta è stata la non differenziazione tra i sottotipi di insonnia per quanto riguarda il rischio di mortalità”.

Va comunque notato come gli studiosi abbiano dato particolare risalto ai soggetti con insonnia cronica, cioè coloro che avevano dichiarato di soffrire di tale problema in almeno due
sondaggi su tre.

Ciò detto, l’equipe UWM ritiene che si debba lavorare di più per combattere la mancanza di sonno cronica, sorta di vera e propria epidemia silenziosa, in grado di accorciare la
vita di una larga fetta della popolazione.

Conclude infatti Finn: “L’insonnia è un sintomo gravoso e ha un impatto negativo sulla qualità del sonno, questo può portare le persone a cercare delle cure.
L’identificazione dell’insonnia come un fattore di rischio di mortalità può avere implicazioni cliniche e aumentare il livello di priorità per il trattamento
dell’insonnia”.

Fonte: “Insomnia increases risk of early death: Study”, QMI Agency 7/06/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento