Lavorare durante la cassa integrazione senza comunicarlo all'INPS

D: Volevo sapere cosa mi succede se lavoro durante il periodo in cui godo della Cassa integrazione guadagni straordinaria senza comunicarlo all’INPS. La sanzione prevista si può
graduare e limitare alle sole giornate di lavoro o all’importo del reddito guadagnato?

R: Se Lei lavora mentre è in cassa integrazione e inizia a svolgere un lavoro dipendente o autonomo non ha diritto agli assegni INPS durante il periodo di lavoro in base a quanto dispone
la L. n. 160/1988 ed al riguardo di tale nuovo lavoro deve darne preventiva comunicazione all’INPS.
Se viceversa Lei non dice niente all’Inps decade del tutto dal diritto alla CIG.
Quanto alla graduazione cui Lei fa riferimento la Corte Costituzionale (ordinanza n. 190/1996) ha chiarito che la natura della sanzione e del fatto sanzionato «escludono la
possibilità di una graduazione secondo un criterio di proporzione, il quale non potrebbe essere attuato se non limitando contraddittoriamente la decadenza alle giornate effettuate,
cioè sopprimendo in realtà la sanzione ed equiparando i cassaintegrati che svolgono un lavoro retribuito senza informarne l’INPS e quelli che correttamente assolvono l’obbligo
della comunicazione».
Tale principio è stato poi confermato dalla Corte di Cassazione con Sent. n. 4004/2007 nel caso di un lavoratore che ha percepito la CIGS per più periodi consecutivi di
concessione derivanti da altrettanti decreti ministeriali, affermando che il lavoratore che non effettua la comunicazione decade dall’intero periodo di CIGS, anche se derivante da più
provvedimento autorizzativi.

Leggi Anche
Scrivi un commento