La mozzarella di bufala di Libera diventa DOP

La mozzarella di bufala di Libera diventa DOP

Gastronomia tipica e lotta alla mafie. Sulle terre dell’associazione Libera, a Castel Volturno, verrà prodotta mozzarella di bufala, che grazie al rispetto delle regole del Consorzio di
tutela potrà fregiarsi del marchio DOP.

Ad illustrare l’iniziativa, una speciale cerimonia d’inaugurazione, che ha visto riuniti Domenico Raimondo, presidente del Consorzio di tutela, e don Luigi Ciotti, fondatore di Libera.

Soddisfatto Raimondo, che spiega: “La mozzarella della legalità prodotta da Libera si fregia del marchio DOP, dal momento che ha superato tutti i rigorosi parametri e controlli previsti
dal disciplinare di produzione. Siamo felici di avere Libera tra i soci del Consorzio e siamo sicuri che ciò contribuirà in maniera significativa a rilanciare ulteriormente il
più importante marchio DOP del Centro sud Italia”.

Inoltre, l’operazione darà un fortissimo peso alla legalità, con l’approvazione di un rigoroso codice etico: in questo modo, continua Raimondo, “Intendiamo con fermezza continuare
sulla strada dell’impegno per la legalità e contribuire a realizzare comunità alternative alle mafie, come ama ripetere don Ciotti”.

PER ULTERIORI INFORMAZIONI:

www.libera.it

www.mozzarelladop.it

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento