La mela fa bruciare calorie

La mela fa bruciare calorie

Chi vuole dimagrire, prenda in considerazione il consumo di mela. Tale frutto contiene acido ursolico, capace di aumentare il consumo corporeo di calorie, difendendo così da sovrappeso
ed obesità.

Ad indagare sul fenomeno, una ricerca dell’Università dell’Iowa, diretta dal professor Christopher Adams e pubblicata da “Plos One”.

Adams ed il suo team hanno lavorato con topi affetti da obesità e sindrome metabolica. I roditori hanno ricevuto una dieta ricca di grassi. Poi, dopo alcune settimane, hanno consumato
dosi di acido ursolico, ricavato dalla buccia della mela.

I controlli ed i test hanno mostrato come l’acido ursolico portasse diversi benefici. Entro poco tempo, il fegato delle cavie migliorava efficienza e salute, risultando difeso dalla malattia
del fegato grasso.

Ancora più importante, l’acido ursolico favoriva l’aumento di grasso bruno e massa muscolare. Come spiegano gli esperti, entrambi i tessuti sono basilari per la perdita di peso: se
l’importanza della massa muscolare è nota da tempo, il grasso bruno è stato rivalutato recentemente.

Infatti, maggiori sono i livelli di tale elemento, minore è la presenza nel sangue di zuccheri e grassi e, di conseguenza, minore il rischio di obesità e sovrappeso. Abbondante
nei bambini, il grasso bruno si riduce negli adulti: perciò, ogni mezzo per aumentarlo deve essere valutato con attenzione.

In conclusione, il professor Adams ritiene come la mela abbia una doppia efficacia potenziale.

In primis, contro l’eccesso di peso e calorie, visto che come detto, fa aumentare grasso bruno e muscoli, “Fantastici bruciatori di calorie”. Inoltre, proprio la capacità di stimolare i
muscoli potrebbe suggerire un impiego nelle terapie contro l’atrofia muscolare.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento