Dopo le bibite, i pop corn? Continua la guerra anti obesità di New York

Dopo le bibite, i pop corn? Continua la guerra anti obesità di New York

Non c è pace per i golosi di New York. Prima Michel Bloomberg ha deciso di bandiere le bevande gassate, dalle quantità notevoli ed estremamente ricche di zucchero.

Ora, le autorità sanitarie della Grande Mela, il Bord of Health, hanno un nuovo bersaglio nei pop corn. Come per le bibite, il problema è sia nella quantità (gli americani
amano le confezione maxi) che nel condimento.

E’ infatti consuetudine che i vari locali, cinema in primis, offrano i pop corn conditi con sale, burro d’arachidi od addirittura caramello: risultato, le confezioni del cibo toccano
tranquillamente le 1650 calorie. Un disastro per la salute, un’autostrada per lo sviluppo dell’obesità, specie dei giovani.

Allora, appuntamento il 24 luglio: durante un’audizione pubblica, Bloomberg e colleghi discuteranno di limiti e contromisure da applicare ai drink zuccherati. Di conseguenza, verranno giudicati
anche i pop corn ed altre pietanze ultra-caloriche.

FONTE: “First soda, now POPCORN: Bloomberg target nation’s favorite snack in obesity crackdown”, Mail Online, 13/06/012

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento