La Cina ha sete di vino pregiato

La Cina ha sete di vino pregiato

Sopratutto vino, ma anche tè ed alcolici. Da qualche tempo, i nuovi ricchi della Cina competono tra loro per accaparrarsi il meglio della produzione d’Occidente, non limitandosi
né per la quantità ne per la qualità.

I dati parlano chiaro: le aste di Honk Kong, centro di tali battaglie economiche, incassano molto di più dell’equivalente di Londra o New York. Tali operazioni avvengono ormai con una
sorta di rituale, dai protagonisti e dai comportamenti quasi fissi.

Ad agire, i vertici del partito ed i grandi uomini d’affari. I primi comprano per fare sfoggio di potere, i secondi vogliono costruirsi collezioni che possano rivaleggiare con quelle dei
colleghi europei ed americani. Tutti si presentano alle aste con un contorno di ragazze-immagini ed accompagnatrici scelte per l’occasione, spesso poi spedite a fare shopping nei locali
commerciali.

Più importanti, tutti non si pongono limiti di portafoglio per portare a casa l’alcolico desiderato.

Ed il fenomeno potrebbe anche aumentare di volume.

Raymond Ting è un immobiliarista appassionato di vini, che nel solo 2010 ha dedicato 13 milioni a tale hobby: per Ting, appena le autorità ridurranno i dazi sulle importazioni
d’alcolici, il loro volume d’acquisto in Cina toccherà numeri elevati. Allora, conclude Ting, le cantine d’Oriente ed Occidente si trasformeranno in capitali dal valore inestimabile.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento