Influenza A, Fazio: “L’Italia è il Paese con più casi in Europa”

Influenza A, Fazio: “L’Italia è il Paese con più casi in Europa”

Secondo le statistiche mediche, in Europa l’Italia è la nazione dove l’influenza A sta provocando più ammalati, “380 casi per 100.000 abitanti, esattamente come in Spagna.

A renderlo pubblico il viceministro per la salute Ferruccio Fazio, intervenuto sul tema pandemia durante un convegno sull’oncologia.

Citando tali statistiche Fazio fa notare come “Avendo attivato il 19 ottobre scorso la rete di medici ‘sentinella’ è ora possibile fare un confronto con gli altri Paesi. In Italia
c’è stato un altissimo aumento nelle ultime due o tre settimane e al momento attuale c’è la più alta percentuale settimanale di influenza A in Europa”. Ma è bene
ricordare come il problema del virus H1N1 sia ormai più che diffuso nel Vecchio Mondo: “In Francia l’incidenza è di 216 casi per 100000 e di 39 ogni 100.000 in Gran Bretagna: un
aumento di casi previsto, che anzi pensavamo si verificasse già un mese fa. Il sistema comunque sta reggendo bene”

Tornando sulla stato della Penisola, Fazio fa notare come il virus H1N1 non sia mutato rimanendo così relativamente innocuo con un punte di pericolosità rilevanti solo per i
soggetti deboli, come anziani, individui con malattie croniche e bambini, le cui assenze stanno spopolando le scuole. In ogni caso, è bene ricordare come il corretto comportamento in
caso di sospetto contagio “E’ quello di non andare al pronto soccorso per evitare intasamenti, ma di rivolgersi al medico di famiglia”.

In ogni caso la macchina della Sanità pubblica è attiva, e le vaccinazioni sono in corso: “le Regioni stanno procedendo e ricordo che sono coinvolti i servizi essenziali e le
categorie a rischio, quindi bambini e adulti ma solo con malattie croniche. Non c’è urgenza di vaccinazione né per i bambini in generale né per altre categorie di persone:
verranno vaccinati successivamente, ma solo per far scomparire in modo definitivo l’epidemia e non perché rischino realmente”.

Sempre sul tema vaccinazioni, Ferruccio Fazio ha anche parlato di possibili trattamenti speciali per gli sportivi, preoccupati dalla vulnerabilità della loro categoria rispetto
all’influenza A.

Spiega Fazio: “Domani avremo un incontro con il presidente del CONI Gianni Petrucci, sull’ipotesi di vaccinare non solo i calciatori, ma tutti gli sportivi. Posso comunque dire fin da ora che
non vogliamo fare in modo che vengano decimate le rappresentanze italiane alle Olimpiadi invernali, quindi sicuramente da questo punto di vista qualcosa faremo. Faremo anche qualcosa per le
principali attività sportive che coinvolgono di fatto ampie fasce di popolazione, cioè i tifosi”.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento