Il succo di mela aiuta i malati di Alzheimer

Il succo di mela aiuta i malati di Alzheimer

Il succo di mela sarebbe in grado di aiutare i soggetti colpiti da Alzheimer, limitando gli attacchi d’ansia, agitazione e delirio.

A sostenerlo, una ricerca dell’University of Massachusetts-Lowell (USA), prossimamente pubblicata da “American Journal of Alzheimer’s Disease and Other Dementias”.

Come spiegano gli esperti, il lavoro ha preso origine da due considerazione. In primis, “L’impatto statisticamente significativo del succo di mela sui sintomi comportamentali e psicologici
della demenza […] aggiunge alle prove che supportano l’utilità degli approcci nutrizionali”. Inoltre, le attuali terapie farmacologiche hanno effetti positivi temporanei sminuiti da
pesanti effetti collaterali negativi.

Per questo, i ricercatori hanno voluto esaminare una via non chimica contro la malattia basata sul succo di mela.

A tale scopo, hanno reclutato alcuni pazienti affetti da Alzheimer fornendo loro per 30 giorni 2 bicchieri (113, 4 grammi) di succo di mela al giorno.

Al termine del test, i volontari sono stati esaminati tramite Dementia Rating Scale. Si è così concluso come l’abilità misurata giorno per giorno fosse rimasta invariata.
Tuttavia, è anche emerso un mostrato un miglioramento del 27% nei confronti dei sintomi di ansia, agitazione e delirio.

Dati tali risultati, gli scienziati sostengono che l’approccio nutrizionale alla malattia ha le carte in regola per essere un’alternativa valida alle vie di cura tradizionali.

Fonte: “Apple juice may help Alzheimer’s patients”, UPI 15/06/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento