Il petrolio è aumentato del 30% da inizio anno

Dall’inizio dell’anno si è verificato un aumento del 30 per cento nelle quotazioni del petrolio con un effetto valanga su benzina e gasolio ma anche su altri beni come gli alimentari che
è stato in parte calmierato dalla rivalutazione dell’euro sul dollaro.

E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti svolta in occasione del nuovo record storico fatto segnare dal petrolio che mette a rischio la competitività del sistema produttivo Made
in Italy nell’agroalimentare come dimostra il calo del valore aggiunto dell’agricoltura del 4,3 per cento, secondo i dati Ismea relativi ai primi tre mesi del 2008.

Si tratta – sottolinea la Coldiretti – di una tendenza in linea con quanto avvenuto secondo l’Istat per l’indice della produzione industriale che in media nei primi tre mesi del 2008 ha segnato
un calo dell’1,1 per cento

La frenata nel valore aggiunto agricolo è stato accompagnato – conclude la Coldiretti – da un calo della produzione agricola totale del 6,7 per cento e da una riduzione del 3,4 per cento
delle unità di lavoro addette al settore agricolo nei primi tre mesi dell’anno.

Leggi Anche
Scrivi un commento