Petrolio oltre 120 dollari, prima volta nella storia

Il prezzo del petrolio per la prima volta nella storia sfonda i 120 dollari al barile, a New York il Light crude, prima avanza di 3,68 dollari e tocca 120 dollari e poi supera la fatidica
soglia e sale ancora di 3,98 dollari a 120,21 dollari al barile.

Dietro il rialzo ci sono i problemi geopolitici in Nigeria e in Iran e l’indebolimento del biglietto verde.

Intanto nuova ondata di rincari sulla rete carburanti, con verde e gasolio che restano sui livelli record raggiunti nei giorni scorsi. Diverse compagnie hanno oggi rivisto al rialzo i listini
consigliati ai gestori, con i prezzi della verde che arrivano fino alla soglia degli 1,46 euro al litro e quelli del gasolio che superano gli 1,43, spingendosi in alcuni casi a sfiorare gli
1,44 euro al litro.

La corsa dei prezzi dei carburanti ha subito una fortissima accelerazione la scorsa settimana, in concomitanza con i due ponti festivi e con lo scadere del intervento fiscale sulle accise che
aveva determinato una riduzione temporanea di due centesimi al litro.

Leggi Anche
Scrivi un commento