Il Ministero della Sanità riunisce in una nuova e unica sede tutti gli Uffici

Da lunedì 14 gennaio il Ministero della Salute avrà una nuova sede centrale a Roma che accoglierà tutti i Dipartimenti, le Direzioni generali e il Consiglio Superiore di
Sanità, che finora erano dislocati in edifici diversi, gli Uffici di diretta collaborazione del Ministro e l’Ufficio del Ministro stesso rimarranno, invece, ubicati presso la sede di
Lungotevere Ripa, n° 1.

La nuova sede del Ministero si trova in zona Eur al numero 5 di Via Giorgio Ribotta e dista meno di 3 Km dalle attuali sedi dell’Eur.
Si tratta di un trasferimento atteso e necessario che consentirà la riduzione dei costi di gestione, l’ammodernamento dei sistemi e la possibilità di offrire servizi più
efficienti ai cittadini e a tutti gli operatori sanitari che ogni giorno si rivolgono al Ministero della Salute.
Come sottolineato dal Ministro Livia Turco, il trasferimento alla nuova sede è «una preziosa opportunità per rinnovare il rapporto tra cittadino e istituzioni: una
«casa» più bella e ospitale concilia politiche di ascolto e di comunicazione con la capacità di rispondere in modo appropriato alle esigenze di tutti».
Quale luogo di contatto diretto con il pubblico è prevista, nel corso del primo trimestre del 2008, l’attivazione di un front office, un centro operativo articolato in più
sportelli, dove il cittadino, nel rispetto delle norme sull’accesso agli atti e della tutela della privacy, potrà ricevere, previa prenotazione, informazioni e servizi quali certificati
e autorizzazioni o presentare istanze da funzionari dei competenti uffici.
Il trasferimento avrà luogo dal 7 all’11 gennaio e la riapertura al pubblico avverrà il 14 gennaio. Durante tale periodo potrebbe verificarsi qualche disagio per gli utenti.

In particolare, gli uffici per il riconoscimento titoli all’estero torneranno operativi da mercoledì 16 gennaio.
Per informazioni è possibile rivolgersi all’Ufficio relazioni con il pubblico (tel. 06.5994.2378 – 2758) e consultare il portale internet ministeriale www.ministerosalute.it.

Leggi Anche
Scrivi un commento