Guido Gobino ha creato una tavoletta di cioccolato dedicata al Salone del Libro di Torino

Guido Gobino ha creato una tavoletta di cioccolato dedicata al Salone del Libro di Torino

Torino – In occasione del Salone Internazionale del Libro di Torino (13-17 Maggio), Guido Gobino presenterà anche quest’anno, una tavoletta di cioccolato in edizione
limitata e dedicata all’importante manifestazione. Creata appositamente per l’occasione, la nuova creazione di Guido Gobino è realizzata in 1200 esemplari  che saranno offerti in
esclusiva agli espositori presenti in fiera.

La tavoletta, extra bitter 63%, è realizzata con le pregiate qualità di cacao aromatico che contraddistinguono la Selezione Guido Gobino. Sopra il sottile foglio di cioccolato,
l’immagine di un elefante in rilievo decorato in oro che rende omaggio al Paese ospite di quest’anno, l’India.

La collaborazione fra il cioccolatiere torinese e l’importante appuntamento italiano giunge al 10° anno consecutivo e sottolinea lo stretto legame tra cultura artigiana e letteraria, fra
tentazione e meditazione. Nel corso degli anni, infatti, le creazioni di Guido Gobino per il Salone del Libro hanno dato vita a una vera e propria collezione per gourmet appassionati. Ad ogni
edizione corrisponde una tavoletta in edizione limitata e in linea con il tema guida.

La bottega di Gobino sarà presente all’interno della manifestazione con un proprio stand, presso il padiglione 3 del Lingotto Fiere, all’interno dell’area Libro e Cioccolato.

Per tutta la durata dell’evento, da giovedì 13 a lunedì 17 maggio, i visitatori potranno assaggiare con degustazioni guidate le specialità artigianali, come il famoso
Turinot Maximo, la polvere di cioccolato Hazel Shock o le piccole e delicate ganaches, che offrono le più sorprendenti e gustose combinazioni di sapori.

Per maggiori informazioni sui prodotti di Guido Gobino: www.guidogobino.it
Per indicazioni su luoghi, orari, eventi e costi del Salone del libro: www.salonelibro.it

 

eurelab.it
Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento