Frutta e verdura, difesa dal cancro alla vescica

Frutta e verdura, difesa dal cancro alla vescica

Frutta e verdura, assieme ad uno stile di vita generalmente sano, riducono la probabilità di cancro alla vescica, soprattutto per le donne.

A dirlo, una ricerca del Hawai Cancer Center, diretta dal dottor Song-Yi Park e pubblicata su “The Journal of Nutrition”.

Gli scienziati si sono basati sui dati del “Multiethnic Cohort Study” (MEC): finanziato dal National Cancer Institute (NCI), prende in esame 180.000 adulti, stato di salute e stile di vita.

In 12 anni di controlli, sono stati diagnosticati 581 casi di tumore alla vescica, di cui solo 12 rilevati su donne.

Tramite esami più approfonditi, gli esperti hanno evidenziato il ruolo di frutta e verdura, specie di colore arancione. Le volontarie che consumavano buone dosi di frutta e verdura color
giallo-arancione avevano il 52% di possibilità in meno di sviluppare il cancro alla vescica, rispetto a quelle che consumavano altri tipi di vegetali.

Per il dottor Park, la differenza è data dalle vitamine A,C, E capaci di rinforzare l’organismo, rendendo meno probabile la degenerazione dell’organismo e la comparsa del tumore.

Detto questo, ammette i limiti del lavoro. In primis, l’efficacia relativa: se frutta e verdura proteggevano le donne, non avevano gli stessi benefici sui consumatori uomini. Inoltre, non
è ben chiaro il meccanismo che lega il consumo dei prodotti in questione con la protezione dal tumore.

Per questo, sono in agenda ulteriori ricerche.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento