Fiera di Puegnago del Garda: festa (sposa) bagnata, festa fortunata (per il Groppello e il Casaliva)

Fiera di Puegnago del Garda: festa (sposa) bagnata, festa fortunata (per il Groppello e il Casaliva)

Puegnago del Garda, domenica 4 settembre 2011, ore 17,55

Un proverbio dice:-“Sposa bagnata, sposa fortunata”.
Non si può dire la stessa cosa per una Fiera, proprio la domenica, nel bel mezzo del suo svolgimento.

Le gite in calesse (al galoppo, prima della pioggia) attraverso le vigne e le cantine di Groppello.
Cancellata la sfilata dei carri allegorici, prevista per oggi pomeriggio (qualche carro temerario è sfilato per la via principale, non tanto per il pubblico riparato sotto le tettoie ma
per ringraziare la pioggia); anche la banda musicale di Puegnago ha dovuto lasciare nelle custodie gli ottoni e tutti gli strumenti.

Le aziende agricole espositrici hanno dovuto chiudere gli stand per non rischiare di annacquare il loro prezioso Groppello e le 100 grappe in concorso.

Ore 13,25 l’acqua viene giù a catinelle!
Gli organizzatori  ed i turisti si rifugiano negli stand gastronomici con poche speranze che la giornata si possa mettere al bello.
Siamo sotto il tendone dell’Hosteria dello spiedo, al nostro tavolo il Sindaco Adelio Zeni e il Presidente della Fiera Silvano Zanelli.

Non potendo chiacchierare, per il rumore assordante della pioggia battente, siamo “costretti”, con grande piacere, a far lavorare le nostre ganasce.

Il menu propone particolarmente tipicità della Val Tenesi:
Pène col pòstòm
Risot al Gropèl
Minestra spurca
Polenta e spie
Tajada a la crùdaiola co la Casaliva
Formai a sgaie e salam en fète
Roast Beaf con insalitina o patate
Vari dolci tra i quali la Turta a la fròta con glasa del Gropel e la Turta al Casaliva

Erano anni che non pioveva sulla Festa di Puegnago, e tutti ricorderanno questa domenica per la festa rovinata ma gli agricoltori sono felici per l’acqua che arriva come una manna sulle viti,
sugli oliveti e su tutte le coltivazioni.

Stralci dai comunicati stampa:

    Oggetto:     35ma fiera di Puegnago,  la festa continua
Data:     04 settembre 2011 1:47:52 GMT+02:00

“…Gli oli, sono in compagnia di una ricca selezione (oltre 70) di monocultivar giunti da tutto il Paese, in degustazione guidata a cura degli esperti di Aipol (l’Associazione Interprovinciale
Produttori Olivicoli Lombardi) e di Assam Marche (Agenzia Servizi Settore Agroalimentare delle Marche) nella suggestione di Villa Gàlnica, novità di questa edizione, antico palazzo
(ex Tebaldini) tornato agli antichi splendori dopo sapiente ristrutturazione.”

Tra gli stand, venerdì e sabato….

” …..I vini, i nobili Groppello, sono in assaggio per il pubblico, in 14 stand di aziende, in una suggestiva “Via del Groppello”  (con 5 euro si ha diritto ad una sacca con bicchiere da
degustazione) seguita a strascico da un’attenta selezione di tipicità gastronomiche artigianali – formaggi, salumi e dolci leccornie – e ben 23 Groppello sono in degustazione in Villa
Galnica, pronti ad esser premiati, ed allo stand gastronomico.

Prodotti a cui in Fiera si affiancano altri due assi nella manica: un centinaio di Grappe ed acquaviti delle 3 regioni affacciate al Benaco (Lombardia, Veneto e Trentino) in degustazione guidata
a cura dell’Anag (l’Associazione Nazionale Assaggiatori Grappe) di Brescia, e lo Spiedo, piatto tipico bresciano cucinato secondo i carismi gardesani dagli “Amici dello Spiedo”, sodalizio che lo
propone a cena e la domenica anche a pranzo, in una gettonatissima Hosteria: e quest’anno in piatti bio e compostabili…

Quattro assi che si presentano al pubblico della Fiera anche da protagonisti di più appuntamenti conviviali in Villa Gàlnica: il venerdì sera con una proposta culinaria e
musicale (comunicato in allegato), il sabato sera con una degustazione-provocazione dedicata alle grappe ma non solo…, la domenica sera con una carrellata di Groppello, Casaliva e piatti del
territorio, a cura della Strada dei Vini e dei Sapori del Garda…

Non solo, i prodotti della terra sono a Puegnago ambasciatori di due convegni tematici di spessore.
Il primo, in calendario venerdì 2, alle 18.30, in sala consiliare, dal titolo “”La pianificazione agricola: Puegnago e il Garda”, il secondo in chiusura della Fiera: lunedì 5, alle
18, “Olivicoltura lombarda e valorizzazione del territorio” organizzato da Aipol e Unaprol (comunicati in allegato).
Di incontri per addetti ai lavori (per gli assaggiatori, sabato mattina, in Villa Gàlnica, con degustazione guidata ai monocultivar di tutto lo stivale, seminario di aggiornamento e piatti
cucinati ad hoc).
Della consegna di premi ambiti dei Concorsi “Groppello d’Oro e Groppello Riserva Menzion d’Onore”, dell’interregionale tra le Grappe “Alambicco del Garda” e dell’internazionale “Olivo d’Oro:
Salute, Cultura, Territorio”.

COMUNICATO STAMPA
3 settembre 2011
35ma Fiera di Puegnago del Garda
dal 2 al 5 settembre 2011
“Il cuore del Garda batte a Puegnago.
Con oli e vini che preservano la tipicità del territorio”.
E la Fiera prosegue…
La Fiera tiene banco fino a lunedì 5 sera.

Sabato 3 e lunedì 5 dalle 18 alle 23, domenica 4 dalle 11 alle 23.
I nobili rossi sono in assaggio per il pubblico in una suggestiva “Via del Groppello” (con 5 euro si ha diritto ad una sacca con bicchiere da degustazione) seguita da un’attenta selezione di
tipicità gastronomiche artigianali, gli extravergine monocultivar  di tutta Italia sono in degustazione con i Casaliva locali, sotto la guida di esperti, in Villa Galnica. Nel cuore
del centro valtenesino, altri appuntamenti gettonati, sono quello con un centinaio di grappe benacensi in degustazione guidata a cura dell’Anag e quello dai grandi numeri all’Hosteria dello
spiedo che propone (ogni sera e domenica anche a pranzo) una ricca selezione di piatti tipici gardesani.

Lunedì 5 alle 18,
in sala consiliare, il convegno: “Olivicoltura lombarda e valorizzazione del territorio” moderato da Michele Bungaro di Unaprol, riunisce esperti del settore olivicolo, organizzato da Aipol di
Brescia ed Unaprol. Con la partecipazione del prof. Maurizio Servili dell’Università di Perugia, della dr.ssa Garlanda della Regione Lombardia, di Ettore Prandin, Presidente della
Coldiretti di Brescia e di Francesco Bettoni, Presidente dell’Unione Provinciale Agricoltori e della CCIAA di Brescia.
Si parlerà di distretti rurali e delle attività condotte da Aipol riguardanti il recupero dell’acqua di vegetazione delle sanse e del loro utilizzo nell’alimentazione zootecnica,
per uno sviluppo integrato di olivicoltura e territorio.
Seguirà lunedì sera, la consegna del premio internazionale “Olivo d’Oro: Salute, Cultura, Territorio”. Il premio, giunto alla 7a edizione (conferito nell’ordine a Giorgio Calabrese,
Andreas März, Paolo De Castro, Giuseppe Fontanazza, Massimo Gargano, e lo scorso anno a Giovanni Mantovani, direttore generale di “Veronafiere”..), in questa edizione andrà ad un noto
personaggio il cui nome verrà comunicato nel corso della Fiera.

In chiusura, lunedì alle 22.30,
un grande spettacolo pirotecnico accenderà il cielo di Puegnago, per dare appuntamento alla prossima edizione della sua festa di fine estate.

Ufficio Fiera: 0365/555320,
fiera@comune.puegnagodelgarda.bs.it
Infoline: 345/2307439

“Il cuore del Garda batte a Puegnago. Con oli e vini che preservano la tipicità del territorio”.
I premiati della 35ma Fiera….

Nel proseguo della serata inaugurale di venerdì 2, la parola è andata ai prodotti del territorio.
Tra 23 nobili Groppello del territorio valtenesino in concorso, a 9 di loro è andato, per il punteggio di 85 su 100, il premio enologico “Groppello d’Oro”: alle aziende agricole di
Averoldi Francesco, Provenza, Cantrina, Novelli Giuseppe, Le Gaine, Vivenzi Fabio Eros, Masserino, alla società agricola Pietta, alle cantine Scolari.
Al Groppello dell’azienda agricola di Sergio Delai di Puegnago, per un punteggio ancora maggiore, è andata la Menzion d’onore.

Tra le grappe in corsa per il 16° “Alambicco del Garda” per 6 categorie, dell’ottantina di grappe selezionate da una trentina di esperti degustatori provenienti dalle 3 regioni bagante dal
Garda, Trentino, Veneto e Lombardia, ben 34 han raggiunto la meta dell’ottimo…

Tra loro, a ricevere la targa della kermesse di Puegnago, venerdì sera, i primi della classe delle 6 categorie: tra le “giovani”, la grappa di Pinot nero della cantina Storica di
Montù Beccaria, tra le “giovani aromatiche”, la Grappa Trentina di Traminer della Distilleria Pezzi, tra le “affinate in legno”, la grappa Sudtirol Barrique della Distilleria L.Psenner,
tra le “invecchiate”, la Grappa Clessidra della Distilleria  F.lli Pisoni, tra le “invecchiate aromatiche”, la Grappa Moscato Riserva Invecchiata della Villa De Varda srl, tra le “grappe di
groppello” quella di Masserino.

Verso le 17,30 il cielo si è schiarito…e la Fiera continua.

Domani tutti a Puegnago per l’ultimo giorno di festa con i fuochi d’artificio che chiuderanno l’evento annuale del paese dove la famiglia contadina ed il rispetto per il territorio sono ancora
di fondamentale importanza.  

Giuseppe Danielli
Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento